pubblicato il

Spazzacorrotti: fare il furbo non conviene più a nessuno


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Il 18 dicembre, è stato approvato anche alla Camera il Disegno di Legge Spazzacorrotti. Ora non è più solo un sogno, ma la proposta è finalmente diventata legge!

Spazzacorrotti

La nuova norma riguarda, tra le altre cose, la trasparenza e il controllo dei partiti e dei movimenti politici, che saranno obbligati a rendere pubbliche tutte le donazioni superiori a 500 euro e non più 5000 come accadeva in precedenza.

Contiene anche la riforma della prescrizione dei reati, che verrà sospesa dopo il primo grado di giudizio. Attraverso questa legge si inaspriranno le pene e le sanzioni per i corrotti, fornendo alla magistratura degli investigatori impegnati nella lotta al malaffare. Gli agenti sotto copertura e gli appartenenti alle forze dell’ordine potranno vestire i panni di un impiegato pubblico per osservare e riferire le sue segnalazioni agli inquirenti.

Per i reati più gravi di corruzione da parte del pubblico ufficiale saranno sempre permesse le intercettazioni di conversazioni o comunicazioni telefoniche ed anche quelle tramite virus sul cellulare o sul computer. Non verrà punito solo il corruttore ma anche colui che ha solo l’intenzione di farsi corrompere, sapendo di correre il rischio di essere controllato da vicino.

Gli obiettivi prefissati dalla legge sono molteplici. Innanzitutto, sarà impedito a chi si è macchiato di gravi fatti di corruzione di tornare a lavorare con la Pubblica Amministrazione, in modo da ristabilire anche la fiducia dei cittadini nella PA e nello Stato. La corruzione alimenta i mercati illegali, guastando la competizione fra aziende e cittadini. Con questa norma, invece, le aziende oneste potranno continuare il proprio lavoro.

È importante fare riferimento, inoltre, ai dati oggettivi. Secondo uno studio recente, la corruzione avrebbe divorato 10 miliardi dal PIL ogni anno, la piaga del malaffare sarebbe la causa dell’aumento complessivo del costo degli appalti (+20%) e del calo degli investimenti esteri (-16%). In altre parole, mentre i cittadini pagano più del dovuto per la costruzione di edifici o infrastrutture pubbliche, gli imprenditori stranieri si guardano bene dall’investire i loro soldi in un Paese dove la corruzione è all’ordine del giorno.

Questa norma vuole essere un nuovo punto di partenza per una rivoluzione prima culturale e poi politica, dando finalmente giustizia ai tanti cittadini onesti del nostro Paese.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

L’Italia non è più sola: facciamo il punto sul tema migranti

Un tema sempre molto caldo, che ha accompagnato fin dall’inizio in nostro Governo del Cambiamento, è quello dei migranti. Partivamo da una situazione in cui l’Italia era costretta a subire passivamente e a gestire in autonomia tutti gli sbarchi e i richiedenti asilo che si avvicinavano alle proprie coste. Ma con il Governo Conte l’Italia▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

#EndTheCageAge – Firma contro gli allevamenti in gabbia!

Cosa stiamo facendo agli animali negli allevamenti? Anche un bambino potrebbe accorgersene: tutto ciò è crudele. Gli animali sono esseri senzienti, in grado di provare dolore e gioia. Gli animali allevati in gabbia sono soggetti a enormi sofferenze perché sono severamente limitati nei loro movimenti e viene loro impedito di esprimere quasi tutti i comportamenti▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Obiettivi di sviluppo sostenibile per il digital

Le città occupano soltanto il 3% della superficie del mondo, eppure sono la causa del consumo di ben tre quarti dell’uso di risorse e del 75% delle emissioni globali. È per questo motivo che ho dedicato il mio impegno politico anche a sostegno di un investimento mirato in infrastrutture sostenibili e ricerca, in modo tale▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Itampharma: la start up contro i tumori 

Ho incontrato Chiara Nardon, Nicolò Pettenuzzo e Leonardo Brustolin, tre ricercatori dell’Università degli studi di Padova che hanno dato vita ad itamPharma. La loro start up (spin-off dell’ateneo patavino) è concentrata sullo sviluppo di nuove strategie terapeutiche per il trattamento dei tumori orfani, patologie per le quali non vi è una vera cura oggigiorno. Il▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare