pubblicato il

Spose bambine: la cultura non può essere una giustificazione


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Da qualche settimana il dibattito pubblico in Svezia è occupato da un tema sociale molto delicato: quello delle spose bambine. Si discute dei matrimoni tra uomini adulti e bambine o ragazzine tra la popolazione dei migranti. Argomento trattato anche da noi del Movimento 5 Stelle direttamente nelle aule del Parlamento europeo, e che ci ha visto votare a favore della risoluzione che abbiamo proposto per combattere tale usanza.
La pratica dei ‘matrimoni precoci’ sembra lontana da noi nel tempo e nello spazio, mentre invece ci tocca molto da vicino, perché è reale anche all’interno dell’Unione europea. Dobbiamo sentirci coinvolti, non possiamo rimanere a guardare mentre il futuro di queste bambine viene deciso da persone adulte, che le privano della possibilità di scegliere la propria strada e le proprie vocazioni.

Il dibattito è incentrato sul fatto che la Svezia, uno dei Paesi più sviluppati sul fronte delle politiche sociali, non riesca a garantire gli stessi diritti che offre ai bambini svedesi anche a chi appartiene a culture diverse.

spose bambine

Come scrive politico.eu, la questione è molto più complessa, potremmo dire culturale. Come riuscire a conciliare i principi su cui si fondano tutti gli Stati dell’Unione europea, garantiti per tutti i suoi cittadini, con l’introduzione e l’inclusione di culture differenti?
Le opposizioni rimproverano al Governo svedese di essere troppo morbido e prudente verso tale argomento, per evitare di essere visto come insensibile nei confronti degli immigrati.

In questo caso penso sia necessario prendere una posizione netta contro i matrimoni infantili, anche se previsti da altre culture. Si parla di diritti della persona, diritti delle bambine che non sono in grado di tutelarsi autonomamente e quindi spetta proprio alle istituzioni prendersi carico di loro.

La tutela dei diritti è un argomento che mi tocca da vicino e su cui mi sono impegnato molto in questi anni al Parlamento Europeo. In particolare mi sono occupato più volte di tutelare la situazione delle donne, dalla barbarie della lapidazione alle spose bambine. Insieme ai miei colleghi del Movimento continuerò a farmi portavoce nella Commissione FEMM (Diritti delle Donne e Tutela di genere) per combattere questi soprusi.
A chiunque deve essere garantito il diritto di autorealizzarsi e di scegliere in tutta libertà il suo futuro!


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Il mio intervento all’audizione del direttore EFSA

In settimana nell’ambito della Commissione AGRI abbiamo avuto modo di ascoltare il direttore dell’EFSA, l’agenzia alla quale l’Unione Europea si affida per ricevere consulenza scientifica. In tal modo è possibile per noi membri del Parlamento avere delle basi tecniche su cui legiferare in merito a tutti gli argomenti che richiedono delle conoscenze scientifiche. Questo ente▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Riforma EFSA: un passo avanti verso la trasparenza

Ricordate la questione del glifosato, contro il quale l’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) ha raccolto oltre un milione di firme lo scorso anno? Ne ho parlato anche qui: https://goo.gl/q2G6Sq. Riassumendo, l’ICE si batteva contro il rinnovo da parte dell’Unione Europea dell’uso del glifosato, un pesticida che costituisce una minaccia chimica per la conservazione della biodiversità.▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Manovra del popolo: reddito di cittadinanza, pensioni anticipate e molto altro!

Usciamo da una settimana davvero carica di emozioni e risultati. Il nostro Governo del Cambiamento è riuscito a portare a casa la vera #ManovraDelPopolo. Ma, concretamente, di cosa stiamo parlando? Ora ve lo spiego. L’accordo raggiunto dal Consiglio dei Ministri nella serata di giovedì 27 settembre riguarda una nota di aggiornamento al Documento di Economia▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Malles, sospeso lo stop ai pesticidi

A Malles, grazie ad un provvedimento del Tribunale Amministrativo Regionale, è caduto il divieto del Comune all’uso dei pesticidi in agricoltura: sarebbero infatti troppo alti i rischi per le coltivazioni, nel caso il fermo ai prodotti fitosanitari si protraesse più a lungo. Dopo il referendum del 2015 che aveva decretato la messa al bando di▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare