pubblicato il

Spose bambine: la cultura non può essere una giustificazione


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Da qualche settimana il dibattito pubblico in Svezia è occupato da un tema sociale molto delicato: quello delle spose bambine. Si discute dei matrimoni tra uomini adulti e bambine o ragazzine tra la popolazione dei migranti. Argomento trattato anche da noi del Movimento 5 Stelle direttamente nelle aule del Parlamento europeo, e che ci ha visto votare a favore della risoluzione che abbiamo proposto per combattere tale usanza.
La pratica dei ‘matrimoni precoci’ sembra lontana da noi nel tempo e nello spazio, mentre invece ci tocca molto da vicino, perché è reale anche all’interno dell’Unione europea. Dobbiamo sentirci coinvolti, non possiamo rimanere a guardare mentre il futuro di queste bambine viene deciso da persone adulte, che le privano della possibilità di scegliere la propria strada e le proprie vocazioni.

Il dibattito è incentrato sul fatto che la Svezia, uno dei Paesi più sviluppati sul fronte delle politiche sociali, non riesca a garantire gli stessi diritti che offre ai bambini svedesi anche a chi appartiene a culture diverse.

spose bambine

Come scrive politico.eu, la questione è molto più complessa, potremmo dire culturale. Come riuscire a conciliare i principi su cui si fondano tutti gli Stati dell’Unione europea, garantiti per tutti i suoi cittadini, con l’introduzione e l’inclusione di culture differenti?
Le opposizioni rimproverano al Governo svedese di essere troppo morbido e prudente verso tale argomento, per evitare di essere visto come insensibile nei confronti degli immigrati.

In questo caso penso sia necessario prendere una posizione netta contro i matrimoni infantili, anche se previsti da altre culture. Si parla di diritti della persona, diritti delle bambine che non sono in grado di tutelarsi autonomamente e quindi spetta proprio alle istituzioni prendersi carico di loro.

La tutela dei diritti è un argomento che mi tocca da vicino e su cui mi sono impegnato molto in questi anni al Parlamento Europeo. In particolare mi sono occupato più volte di tutelare la situazione delle donne, dalla barbarie della lapidazione alle spose bambine. Insieme ai miei colleghi del Movimento continuerò a farmi portavoce nella Commissione FEMM (Diritti delle Donne e Tutela di genere) per combattere questi soprusi.
A chiunque deve essere garantito il diritto di autorealizzarsi e di scegliere in tutta libertà il suo futuro!


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Rural Women as Change Makers: la donna come motore di cambiamento dell’agricoltura

Ieri sono stato all’incontro “Rural Women as Change Makers” alle Nazioni Unite, rivolto alla tematica delle donne che lavorano in ambito rurale e che sono spesso un motore di cambiamento verso un’agricoltura sostenibile ed ecologica, che mira alla sicurezza alimentare e la creazione di posti di lavoro green. Molto c’è da fare per il futuro▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Portabilità transfrontaliera dei servizi online: il digital non può avere confini

Dal 1° aprile 2018 è entrato in vigore il nuovo regolamento sulla cosiddetta “portabilità transfrontaliera dei servizi online”.  Cosa significa? Se hai sottoscritto in Italia un abbonamento per guardare la tua serie tv preferita, le partite o ascoltare musica, o se intendi farlo, ci sono importanti novità. Guarda il video e condividi!

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Rifiuti tossici a Pernumia (PD): pretendiamo risposte dalla giunta Zaia

Il M5S pretende da Bottacin, Assessore all’Ambente del Veneto, risposte immediate sulla tempistica del risanamento ambientale nell’area della discarica di Pernumia (Pd). Siamo davvero preoccupati perché la salute dei cittadini è a rischio: le analisi hanno infatti dimostrato la tossicità dei rifiuti per la presenza di idrocarburi e di metalli pesanti in quantità eccedenti i limiti▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Fondi strutturali di coesione: no ai tagli indiscriminati, sì ai risparmi mirati e meno burocrazia

La Commissione europea sta prefigurando uno scenario davvero drastico in merito ai tagli dei fondi di coesione. Dal mio punto di vista quella della Brexit è ormai una scusa, perché sono previsti tagli davvero elevati a fronte dei reali costi della Brexit. Lo stesso approccio viene mantenuto anche per ciò che riguarda i tagli dei fondi▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare