pubblicato il

Spose bambine: la cultura non può essere una giustificazione


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Da qualche settimana il dibattito pubblico in Svezia è occupato da un tema sociale molto delicato: quello delle spose bambine. Si discute dei matrimoni tra uomini adulti e bambine o ragazzine tra la popolazione dei migranti. Argomento trattato anche da noi del Movimento 5 Stelle direttamente nelle aule del Parlamento europeo, e che ci ha visto votare a favore della risoluzione che abbiamo proposto per combattere tale usanza.
La pratica dei ‘matrimoni precoci’ sembra lontana da noi nel tempo e nello spazio, mentre invece ci tocca molto da vicino, perché è reale anche all’interno dell’Unione europea. Dobbiamo sentirci coinvolti, non possiamo rimanere a guardare mentre il futuro di queste bambine viene deciso da persone adulte, che le privano della possibilità di scegliere la propria strada e le proprie vocazioni.

Il dibattito è incentrato sul fatto che la Svezia, uno dei Paesi più sviluppati sul fronte delle politiche sociali, non riesca a garantire gli stessi diritti che offre ai bambini svedesi anche a chi appartiene a culture diverse.

spose bambine

Come scrive politico.eu, la questione è molto più complessa, potremmo dire culturale. Come riuscire a conciliare i principi su cui si fondano tutti gli Stati dell’Unione europea, garantiti per tutti i suoi cittadini, con l’introduzione e l’inclusione di culture differenti?
Le opposizioni rimproverano al Governo svedese di essere troppo morbido e prudente verso tale argomento, per evitare di essere visto come insensibile nei confronti degli immigrati.

In questo caso penso sia necessario prendere una posizione netta contro i matrimoni infantili, anche se previsti da altre culture. Si parla di diritti della persona, diritti delle bambine che non sono in grado di tutelarsi autonomamente e quindi spetta proprio alle istituzioni prendersi carico di loro.

La tutela dei diritti è un argomento che mi tocca da vicino e su cui mi sono impegnato molto in questi anni al Parlamento Europeo. In particolare mi sono occupato più volte di tutelare la situazione delle donne, dalla barbarie della lapidazione alle spose bambine. Insieme ai miei colleghi del Movimento continuerò a farmi portavoce nella Commissione FEMM (Diritti delle Donne e Tutela di genere) per combattere questi soprusi.
A chiunque deve essere garantito il diritto di autorealizzarsi e di scegliere in tutta libertà il suo futuro!


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Non solo la Manovra del Popolo…

Grandissimo rilievo mediatico sta avendo in questi giorni la Manovra del Popolo con il relativo aggiornamento al Documento di Economia e Finanza. Ma non è la sola cosa che il nostro Governo sta portando avanti in questo periodo, perché diverse sono le proposte del programma di Governo ora al vaglio del Parlamento. – Taglio del▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Reddito di Cittadinanza: lo Stato vicino alle persone

Ieri il Consiglio dei Ministri ha approvato il Reddito di Cittadinanza e la Quota 100, raggiungendo una tappa davvero fondamentale. Infatti, sono due misure che costituiscono un grande progetto di politica economica e sociale e vanno a rispondere agli impegni che il nostro Governo ha preso fin dall’inizio con i cittadini e che il Movimento▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Approvato l’atto europeo sull’accessibilità

L’Atto europeo sull’accessibilità, approvato durante la settimana in Commissione Mercato Interno e Protezione Consumatori, è fondamentale per far sì che nessun cittadino rimanga indietro. La domanda di prodotti e servizi accessibili da parte dei cittadini con disabilità e limitazioni funzionali, come quelle legate alla vecchiaia e alla gravidanza, riguarda 80 milioni di europei. Un numero▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Strasburgo: tanta amarezza nel cuore

Dopo Bruxelles, anche Strasburgo è in assetto di guerra. Ogni anno arriviamo alla sessione plenaria di dicembre temendo che sia a rischio, e stanotte è capitato: diverse persone hanno perso la vita. Dopo una notte all’interno del Parlamento europeo, sono rientrato in albergo assieme a colleghi, assistenti e dipendenti del Parlamento, tutti scortati dalla polizia.▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare