pubblicato il

Stop alle aste a doppio ribasso della GDO


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

È inaccettabile che il sistema della Grande Distribuzione Organizzata metta all’asta l’agricoltura italiana! La questione delle pratiche commerciali sleali nella filiera agroalimentare è nota da molti anni e in questo periodo più che mai si sta parlando delle aste a doppio ribasso messe a punto dalla GDO.

Zullo Aste Ribasso GDO

Come funzionano?
La procedura è molto simile a quella delle tradizionali aste: da una parte c’è la GDO che deve acquistare la merce, dall’altra le aziende fornitrici che fanno un’offerta. Quando la GDO riceve le offerte di vendita decide di indire una seconda asta, ponendo come base di partenza l’offerta più bassa ricevuta. A questo punto, tra i fornitori che decidono di partecipare, vince chi propone il prezzo più basso. Si tratta di una pratica sleale che sta strangolando gli agricoltori e che va urgentemente fermata, perché lede gravemente gli anelli più deboli della catena, i produttori da una parte e i consumatori dall’altra.

Gli agricoltori non hanno la forza contrattuale per contrastare le pratiche messe a punto dalla grande distribuzione e si trovano troppo spesso a subire i gravosi effetti di queste pratiche sleali che non gli garantiscono nemmeno la sopravvivenza.
I consumatori si ritrovano a scegliere, ogni giorno di più, i prodotti da scaffale al costo più basso, spesso scadenti: per abassare i prezzi, i costi di produzione devono essere abattuti a discapito della qualità e anche della salute. Senza tener conto che acquistare prezzi sottocosto significa spesso  favorire anche lo sfruttamento degli agricoltori e rafforzare un meccanismo deleterio.

È quanto mai necessario prendere scelte politiche volte ad aiutare concretamente il settore agricolo e a tutelare gli agricoltori. Come portavoce al Parlamento europeo con il Movimento 5 Stelle sono tra i relatori della Direttiva sulle “Pratiche Sleali nella Filiera Agroalimentare” e continuerò a battermi fortemente per trovare le soluzioni più idonee a risolvere questa situazione inammissibile.

Le regole devono garantire trasparenza nella filiera agroalimentare italiana, al più presto!


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Via libera dalla Commissione Agri contro le pratiche sleali in agricoltura

È stato fatto un ulteriore passo avanti questa settimana in Europa. Arrivano, infatti, buone notizie per il settore agroalimentare europeo, grazie all’approvazione da parte della Commissione Agricoltura e Sviluppo Rurale (Agri) dell’accordo raggiunto in trilogo sulla direttiva contro le pratiche commerciali sleali nella filiera alimentare. Su 44 votanti, si sono espressi a favore 38 deputati,▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Qualità, formazione e tutela della nostra agricoltura: ne ho parlato ad AgriFood Today

Recentemente sono stato intervistato da AgriFood Today, per parlare della nostra agricoltura italiana, ripercorrendo alcuni pilastri fondamentali per un settore agricolo sano e produttivo. Siamo partiti da un focus sulla qualità: da una produzione di qualità, infatti e attraverso l’impegno per un consumo consapevole, io credo che porteremo in Europa un grande settore agroalimentare, che▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Rural, l’associazione di produttori impegnati a recuperare e proteggere antiche varietà vegetali

Nel weekend ho visitato l’associazione di produttori Rural in Provincia di Parma, che opera con lo scopo di recuperare varietà non solo antiche, ma anche locali, per ridare loro una dignità economica. Nel tempo, infatti, queste varietà sono state abbandonate perché poco vantaggiose dal punto di vista del profitto, secondo i canoni odierni di rendimento,▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

L’UE dica SÌ all’accesso all’acqua come diritto universale!

Settimana prossima il Parlamento europeo voterà la modifica della Direttiva sull’Acqua Potabile. Purtroppo il testo è stato fortemente indebolito e in plenaria a Strasburgo presenteremo emendamenti per rafforzarlo. Come Movimento 5 Stelle vogliamo: salvare l’ accesso all’acqua potabile per tutti e tutte; salvare l’accesso ad un’acqua di buona qualità; tutelare il diritto umano all’acqua e▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare