Agricoltura

Il M5S vuole inoculare nella società il virus della buona agricoltura. Come membro titolare in commissione per l’Agricoltura e lo Sviluppo Rurale (AGRI) mi batto in Europa per portare avanti un’agricoltura sostenibile, un’agricoltura etica, che permetta di garantire un reddito più che dignitoso agli agricoltori e che sia rispettosa dell’ambiente che ci circonda.

Un’agricoltura biologica, totalmente priva di prodotti chimici di sintesi e di Ogm. Un’agricoltura biodinamica, orientata al rinnovamento delle tecniche di produzione che rispettino il suolo. Un’agricoltura al passo con i tempi, dove la vendita diretta sul web venga favorita. Il M5S vuole un’agricoltura dove i mercati siano più facilmente accessibili agli imprenditori agricoli e si oppone alla liberalizzazione spinta che vorrebbe il Ttip, che sacrificherebbe i piccoli produttori sull’altare delle multinazionali.

Un suolo coltivato in maniera sana e sostenibile aiuta a combattere addirittura il cambiamento climatico, in quanto trattiene il carbone e riduce le emissioni di gas serra nell’atmosfera. Al contrario, come ci ha spiegato il direttore della F.A.O. a Bruxelles, Mustapha Sinaceur, un suolo coltivato con pratiche non sostenibili fa sì che il carbone in esso contenuto venga rilasciato nell’atmosfera in forma di biossido di carbonio (Co2), elemento che favorisce in maniera devastante il cambiamento climatico.

L’agricoltura, nella visione del Movimento 5 Stelle, é un settore giovane e aperto alle nuove esperienze che fanno scuola nelle varie realtà italiane. Vogliamo liberalizzare lo scambio di sementi tra agricoltori, mantenere la biodiversità dell’habitat naturale, ma anche dei soggetti agricoli. In poche parole, l’agricoltura che vogliamo non é quella di pochi grandi produttori che poggiano la propria forza nei grandi numeri, ma è quella diffusa che lascia spazio ai piccoli, alla qualità, alle produzioni locali, senza mortificare nessuna idea imprenditoriale e contadina.

pubblicato il

Appena rientrato da una trasferta in Trentino e nell’Alto Adige


Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Incontro con Sergio Bolzonello


Oggi ho incontrato l’Assessore Bolzonello nella sede di Pordenone della Regione Friuli Venegia Giulia. Un incontro prevalentemente conoscitivo, non ci eravamo mai parlati in precedenza. Gli ho chiesto di illustrarmi dal suo punto di vista le tematiche rilevanti relative all’agricoltura in Friuli Venezia Giulia e ai progetti strutturali legati ad essa (tema che io seguo▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Domani incontrerò Sergio Bolzonello


Domani 20 agosto incontrerò Sergio Bolzonello, Vicepresidente della regione Friuli Venezia Giulia nonchè Assessore all’Agricoltura. Una chiacchierata per capire lo stato dell’arte e se vi possano essere visioni comuni su OGM, agricoltura sostenibile e sviluppo di progetti che supportino il consumo di prodotti locali.

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Odg del Movimento 5 Stelle, Gorizia Comune Ogm-free


Odg del Movimento 5 Stelle: Gorizia Comune Ogm-free Il provvedimento sarà discusso in Consiglio comunale. Zullo: “Italia sfrutti semestre europeo per esplicitare chiaro no a organismi geneticamente modificati” COMUNICATO STAMPA Fare di Gorizia un Comune a tutti gli effetti Ogm-free.  E’ quanto propone un ordine del giorno che il gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Morire di fame


Quando si sente parlare di sovranità alimentare si fa riferimento al controllo politico necessario ad una comunità nell’ambito della produzione e del consumo degli alimenti. Gli abitanti del Friuli Venezia Giulia sono in grado di provvedere a sé stessi producendo il cibo di cui necessitano? La risposta è no. Ciò significa che se per qualche▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

1 56 57 58 59