Agricoltura

Il M5S vuole inoculare nella società il virus della buona agricoltura. Come membro titolare in commissione per l’Agricoltura e lo Sviluppo Rurale (AGRI) mi batto in Europa per portare avanti un’agricoltura sostenibile, un’agricoltura etica, che permetta di garantire un reddito più che dignitoso agli agricoltori e che sia rispettosa dell’ambiente che ci circonda.

Un’agricoltura biologica, totalmente priva di prodotti chimici di sintesi e di Ogm. Un’agricoltura biodinamica, orientata al rinnovamento delle tecniche di produzione che rispettino il suolo. Un’agricoltura al passo con i tempi, dove la vendita diretta sul web venga favorita. Il M5S vuole un’agricoltura dove i mercati siano più facilmente accessibili agli imprenditori agricoli e si oppone alla liberalizzazione spinta che vorrebbe il Ttip, che sacrificherebbe i piccoli produttori sull’altare delle multinazionali.

Un suolo coltivato in maniera sana e sostenibile aiuta a combattere addirittura il cambiamento climatico, in quanto trattiene il carbone e riduce le emissioni di gas serra nell’atmosfera. Al contrario, come ci ha spiegato il direttore della F.A.O. a Bruxelles, Mustapha Sinaceur, un suolo coltivato con pratiche non sostenibili fa sì che il carbone in esso contenuto venga rilasciato nell’atmosfera in forma di biossido di carbonio (Co2), elemento che favorisce in maniera devastante il cambiamento climatico.

L’agricoltura, nella visione del Movimento 5 Stelle, é un settore giovane e aperto alle nuove esperienze che fanno scuola nelle varie realtà italiane. Vogliamo liberalizzare lo scambio di sementi tra agricoltori, mantenere la biodiversità dell’habitat naturale, ma anche dei soggetti agricoli. In poche parole, l’agricoltura che vogliamo non é quella di pochi grandi produttori che poggiano la propria forza nei grandi numeri, ma è quella diffusa che lascia spazio ai piccoli, alla qualità, alle produzioni locali, senza mortificare nessuna idea imprenditoriale e contadina.

pubblicato il

Agricoltura, tutele maggiori per agricoltori e consumatori


Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Agricoltura, un confronto con il presidente di Coldiretti Fvg


Nei giorni scorsi ho incontrato a Udine i vertici della Coldiretti regionale, per capire le istanze del comparto e confrontarmi sui temi da portare all’attenzione dell’Europarlamento e – in particolare – della commissione di cui sono membro effettivo. All’incontro ha partecipato il presidente della Coldiretti Fvg, Dario Ermacora, mentre al mio fianco c’erano Manuela Botteghi▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

MALLES. VINTO! Le ragioni del referendum contro l’uso dei pesticidi


Malles, località di appena seimila abitanti nel cuore dell’Alto Adige, è diventata il primo Comune d’Italia libero dai pesticidi. Come? Attraverso la partecipazione attiva dei cittadini, che hanno espresso la propria opinione rispondendo a un quesito referendario: il 75,6% dei votanti si è espresso contro l’utilizzo dei fitofarmaci, sostenendo le ragioni del comitato che aveva▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Al lavoro in commissione Itre e Agri


Dopo l’interruzione dei lavori ad agosto, siamo tornati nelle scorse ore sui banchi delle commissioni dell’Europarlamento. Ieri ho partecipato alle votazioni della commissione Itre (che si occupa di industria, ricerca e tecnologia), sostituendo il collega David Borrelli. Assieme a Dario Tamburrano, siamo stati chiamati a votare due dossier: uno sul progetto di bilancio dell’Unione europea▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

A Trieste ho incontrato i portavoce regionali


L’altra mattina ho incontrato a Trieste i colleghi portavoce regionali del M5S Eleonora Frattolin, Andrea Ussai, Ilaria Dal Zovo, Cristian Sergo ed Elena Bianchi. All’incontro hanno partecipato alcuni dei componenti del mio staff che ho provveduto a presentare, e gli addetti alla segreteria del Gruppo regionale. Lo considero un appuntamento proficuo perchè è servito a mettere le basi▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

1 56 57 58 59 60