Ambiente

L’ambiente è una risorsa limitata da cui dipendono il nostro sostentamento e il nostro benessere. Abbiamo bisogno di mille anni per costruire un centimetro di suolo, ma é sufficiente un anno per distruggerlo. Per contrastare il progressivo degrado del nostro ambiente occorre coinvolgere tutti gli attori politici ed economici per un’azione complessiva e coordinata a livello mondiale.

Dobbiamo fare di più. Molto di più di ciò che stiamo facendo. Molto di più di quello che è stato deciso a Parigi nel dicembre scorso, al termine della Conferenza sul Clima. Un accordo sul clima non può essere solo una dichiarazione di intenti, così come è accaduto. Un accordo, per avere risultati reali, non può che essere vincolante.

In Parlamento Europeo il Movimento 5 Stelle lavora per fornire strumenti di tutela ambientale. Perché se distruggiamo il nostro pianeta, non ci troveremo con un pianeta B.

SITUAZIONE ATTUALE

Per contrastare il progressivo degrado del nostro ambiente urge un intervento collettivo da parte degli Stati, delle amministrazioni nazionali, regionali e locali, delle imprese, delle Ong e dei singoli cittadini.

Un ambiente sano significa salute per le persone. Non stiamo parlando di paesi lontani, parliamo di grave inquinamento anche dei luoghi vicini a noi, quelli in cui viviamo. Come mostrano le analisi su campioni di uova, pesci, bovini, insalata e ortaggi gran parte del Veneto centrale è inquinata fortemente dalle sostanze perflouoro-alchiliche (PFAS), largamente usate nell’industria. Tutte queste sostanze entrano poi nella catena alimentare provocando a lungo andare danni alla salute delle persone e dei bambini, come dicono i medici per l’ambiente (ISDE) nelle loro preoccupanti dichiarazioni.

In definitiva possiamo continuare a non interessarci alla qualità dell’ambiente che circonda? Possiamo continuare a non batterci perché le istituzioni mettano al centro delle proprie politiche la salvaguardia del nostro ambiente?

Dobbiamo monitorare le azioni messe in campo dagli Stati e correggerle se inadeguate.

Dobbiamo predisporre dei piani nazionali vincolanti a supporto delle politiche di contrasto al cambiamento climatico.

COSA ABBIAMO FATTO NOI DEL M5S

Nelle Commissioni di cui faccio parte in Parlamento Europeo mi sono battuto per la tutela ambientale. All’interno della strategia per la costituzione della Macroregione Adriatico-Ionica ho ribadito che la crescita di un’area come quella della Macroregione dipende innanzitutto dalla capacità di attrazione turistica e dalle attività economiche legate alla specificità dell’ambiente e dell’ecosistema, piuttosto che dallo sviluppo industriale.

Siamo impegnati costantemente contro l’introduzione di pesticidi e Ogm in agricoltura e nella promozione di politiche agricole attente alla tutela della biodiversità e della qualità del suolo.

In Commissione Ambiente il M5S ha proposto una mozione di risoluzione che avrebbe impedito al glifosato di essere inserito nelle sostanze permesse dalla Ue.

Sempre la Commissione Ambiente ha approvato un progetto di relazione sull´economia circolare nel quale il Movimento é stato capace di inserire il principio della responsabilità estesa del consumo, in modo da obbligare le grandi imprese a farsi carico dello smaltimento degli oggetti che producono e ridurre l’impatto sull’ambiente.

pubblicato il

La corsa all’oro nero nell’Adriatico


Lo scorso 12 agosto ho partecipato a Monfalcone all’incontro di Legambiente “Per qualche tanica in più: l’insensata corsa all’oro nero nei mari italiani”. Recenti studi parlano di nuovi giacimenti di idrocarburi nel Mar Adriatico. Le stime di quanto petrolio ci sia sono controverse, alcuni sostengono si possano esaurire in un paio d’anni, altri in oltre▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Depuratori, Fvg maglia nera in Italia. Zullo: “Risultato di anni di scelte dissennate”


L’Italia sta per essere raggiunta da una sanzione-monstre per il mancato raggiungimento degli standard minimi in tema di depurazione delle acque.« E, purtroppo, la maglia nera tra le regioni è proprio il Friuli Venezia Giulia, con una multa pro capite pari a 53,60 euro. E’ il risultato di decenni di scelte dissennate, sprechi di risorse▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Montagna, dalla Regione un progetto per la tutela


Zullo (M5S): “Montagna, dalla Regione un progetto per la tutela” Il candidato alle Europee ha parlato a Tramonti di Sopra COMUNICATO STAMPA «Uno vale uno, nelle città capoluogo come nei paesini di montagna, dimenticati da tutti. Per questo abbiamo voluto organizzare un incontro a Tramonti, per far sentire alla gente di quassù la nostra vicinanza». Marco▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Terremoti e nucleare, Zullo: “Parlamento europeo non sia semplice figurante”


Il forte terremoto che martedì scorso ha interessato la Slovenia non ha causato danni alle strutture della centrale nucleare di Krsko. «Ma eventi come questo – sottolinea Marco Zullo, candidato del Movimento 5 Stelle alle elezioni europee del prossimo 25 maggio – evidenziano come non mai la necessità che il Parlamento europeo non sia un▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Ferriera di Servola, il peso delle parole


I nostri portavoce del M5S FVG hanno presentato in regione una bella mozione intitolata “Tutela e partecipazione dei cittadini di Servola nel processo di riqualificazione e riconversione industriale dell’area“. Questa mozione è stata emendata e approvata all’unanimità. Bene, si dirà. Non ne sono convito al 100%, vediamo perchè. Nel testo presentato erano chiare le priorità▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

1 56 57 58 59