Biologico

Le moderne tecniche di coltivazione biologica permettono di raggiungere ottime rese e una qualità superiore senza l’uso di pesticidi e fertilizzanti sintetici. Per il Movimento 5 Stelle il biologico deve essere la stella polare della nostra agricoltura, il modello al quale dobbiamo tendere per assicurarci un futuro più sano e in armonia con l’ambiente. Parliamo di un settore economico con un trend positivo a doppia cifra che dura da 7 anni, destinato a diventare il fiore all’occhiello dell’agroalimentare di qualità.

Perché scegliere il Biologico

L’impiego di sostanze chimiche in agricoltura pone la questione degli effetti negativi sull’ambiente e sulla salute umana. La maggior parte dei pesticidi è infatti costituita da molecole di sintesi create per combattere alcuni organismi, ma si rivelano generalmente pericolosi per gli organismi viventi, come conferma un’ampia letteratura scientifica. Questo spiega perché l’interesse dei consumatori per i prodotti biologici sia fortemente cresciuto negli ultimi anni.

Nei primi 5 mesi del 2014, i consumi nel mercato italiano del biologico sono cresciuti del 17,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Un trend positivo che dura da 7 anni, mentre nello stesso periodo in Italia i consumi alimentari sono calati a picco. Gli operatori del settore biologico sono oltre 52mila con un aumento complessivo del 5,4% rispetto al 2012. Anche la superficie coltivata con metodi bio è in aumento del 12,8% rispetto al 2012.

L’Italia è prima in Europa per numero di aziende e superfici dedicate al Bio, sesta al mondo in termini di fatturato. Nel nostro Paese il settore bio vale 3,1 miliardi di euro. Non certo cifre di poco conto. Un euro investito nel Bio vale di più. Molto di più. Perché investire nei prodotti biologici significa investire sulla salute della terra che abitiamo e troppo spesso maltrattiamo. Significa investire sulla nostra salute.

Posizione del M5S

Il Movimento 5 Stelle sostiene un biologico senza se e senza ma, senza aziende miste, né Ogm. Un biologico con controlli regolari sul campo che tutelino il prodotto e dunque il consumatore. Un biologico con regole chiare e stringenti, ma che non stritolino gli agricoltori, ai quali deve essere garantito un ritorno economico più che dignitoso.

Linee guida alle quali abbiamo tenuto fede anche nei 22 emendamenti alla nuova normativa che regolamenterà il settore. Il biologico deve essere visto come un sistema sostenibile nel suo complesso, deve contribuire a tutelare l’ambiente, il clima e gli esseri viventi. La qualità dei prodotti biologici va assicurata durante ogni fase di produzione, trasformazione e distribuzione. E negli emendamenti lo scriviamo a chiare lettere.

pubblicato il

L’Europa delle eccellenze: professionisti al passo coi tempi


Anche nel settore agroalimentare l’attenzione verso la tecnologia è sempre più alta. Dall’agricoltura di precisione tramite droni, ai trattori guidati in automatico dai satelliti, è sempre più evidente che la progettualità degli investimenti è orientata al settore dell’innovazione tecnologica. Basti pensare al caso della blockchain i cui sofisticati sistemi informatici hanno bisogno di nuove infrastrutture▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

OGM e pesticidi: non è questo il futuro che vogliamo!


La Commissione europea ha fino ad oggi approvato 34 prodotti geneticamente modificati tra cui soia, mais, cotone e barbabietola, favorendo le grandi industrie agrochimiche. A pagare le conseguenze di queste scelte, però, saranno quei cittadini che vogliono mangiare cibo sano e sicuro. Sicurezza alimentare significa tutelare la salute dei cittadini e dell’ambiente, e proprio per▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

L’uomo è ciò che mangia, ma in ambito alimentare manca la corretta informazione


Domenica a Milano ho avuto modo di esporre le mie idee in merito all’alimentazione, sostenuto dall’esperienza del Dr. Antonino Frustaglia, medico cardiologo direttore emerito dell’istituto geriatrico Redaelli. L’alimentazione è un anello fondamentale nella salvaguardia della salute e dal mio punto di vista le priorità su cui lavorare sono qualità, varietà e spreco. È importante variare▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Obiettivi di sviluppo sostenibile per l’agricoltura


Sempre a stretto contatto con le realtà rurali, per dialogare con chi vive le problematiche quotidiane del lavoro agricolo e portare queste voci davanti alla Commissione Agricoltura del Parlamento europeo. Questo è uno degli aspetti fondamentali della mia attività politica, perché sono fortemente convinto sia necessario promuovere un’agricoltura sostenibile, che agisca nel rispetto degli agricoltori▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Fucina – Il futuro in tavola


Io personalmente penso che la politica abbia una responsabilità enorme nel costruire il futuro. Penso però anche che sia la buona volontà dei cittadini a determinare la strada concreta da poter intraprendere. Ecco perché nell’evento “Fucina – Il futuro in tavola” tenutosi a Palmanova ho voluto fortemente coinvolgere chi, con le proprie azioni, si è▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

1 2 3 26