pubblicato il

TAV: bisogna investire in opere realmente vantaggiose


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Ha stancato questa narrazione che ci vede sempre contro tutto. Tra le colpe che ci vengono imputate c’è anche quella di opporci a prescindere alla realizzazione della TAV, nel caso specifico la tratta che collega la città di Torino a Lione. Il Movimento 5 Stelle ritiene, infatti, che l’alta velocità come tecnologia e infrastruttura sia fondamentale e vada implementata in zone dove può risultare utile e strategica. La Torino-Lione non è un’opera risolutiva per il Paese, perché oltretutto esiste già una linea veloce TGV per il trasporto di persone su quello stesso percorso. Di fatto però non ha alcun mercato: partono quattro coppie di treni al giorno e praticamente vuoti.

TAV

Perciò solo quando le opere servono, per noi si devono fare! Ha davvero senso spendere miliardi di euro per guadagnare 40 minuti di tempo? Perché questo sarebbe il risultato, invece di 6 ore di viaggio, si scenderebbe soltanto a 5 ore e 20 minuti.

Proprio per capire se tutto ciò può essere utile, lo stesso contratto di Governo prevede che il progetto TAV venga ridiscusso, partendo da un’analisi costi-benefici oggettiva, svolta per mano di una squadra di esperti esterni che valuterà la fattibilità dell’opera. Verranno presi in esame tutti i fattori, tra cui gli effetti sociali, ambientali ed economici per determinare che i costi non superino i benefici, arrivando a una perizia finale che non sia di parte e che non faccia gli interessi di nessuno, come poteva succedere nella vecchia politica.

Se l’analisi stabilirà che non ha senso procedere con la TAV, quei soldi verranno investiti dove serve. Ci sono ancora strade, ponti e viadotti a rischio, tutte opere più piccole ma non di minore importanza perché costituiscono la quotidianità dei cittadini e realmente utili. Oppure, gli stessi fondi possono diventare determinanti per la messa in opera di piste ciclabili o altri servizi di mobilità sostenibile.

Sarà fondamentale concentrarsi sulla realizzazione di infrastrutture e servizi realmente utili, ed evitare grandi opere che presentino una scarsa efficacia rispetto ai costi necessari.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Vivere oltre i limiti della natura: l’Italia va incontro all’Overshoot Day

Secondo il report del WWF e del Global Footprint Network il 15 maggio per l’Italia sarà l’Overshoot Day, data simbolica che segna l’esaurimento della biocapacità del nostro territorio, ovvero la capacità degli ecosistemi di rinnovarsi nell’arco di un anno e fornire servizi indispensabili quali cibo, fibre, legname, terreni e capacità di assorbimento del carbonio. Questa▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

L’Europa dice STOP alle plastiche monouso dal 2021

Il Parlamento europeo ha finalmente approvato in via definitiva una nuova direttiva che mette al bando dal 2021 oggetti di plastica monouso quali piatti, posate, cannucce e bastoncini per palloncini. In particolare, si vieta la commercializzazione di quei prodotti di plastica monouso che possono essere sostituiti da alternative sostenibili. La direttiva, inoltre, impone agli Stati▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Evento > Alimentare: dal nutrimento sano al benessere sociale

L’evento “Alimentare” sarà un momento di condivisione e confronto sul tema dell’economia sana, legata indissolubilmente al benessere della persona. In questo senso, il titolo scelto assume un carattere più ampio: alimentare inteso come nutrimento del corpo, della mente, della terra e della società. Questo è in breve l’appuntamento che si terrà a Bologna sabato 13▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

#NoPalmInMyTank per dire NO all’olio di palma nei carburanti

Ieri, 16 gennaio, insieme ad alcuni colleghi, al Parlamento europeo di Strasburgo abbiamo manifestato contro i combustibili derivanti da olio di palma. Questi combustibili sono tutt’altro che verdi, sono ritenuti tre volte più dannosi dei normali carburanti diesel. Sono causa di inquinamento, deforestazione e distruzione degli habitat naturali di diversi animali, tra cui gli oranghi▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare