pubblicato il

Tuteliamo la buona produzione, tuteliamo il Made In Italy


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare
Come ho ribadito all’evento “Bio e Made in Italy” di Piacenza di domenica scorsa, per tutelare il Made in Italy occorre fare squadra.
 
A livello nazionale servirebbe un accordo chiaro tra produttori, trasformatori e commercianti, che punti realmente ad una tutela del Made in Italy. Purtroppo siamo molto in ritardo dall’ottenere un risultato simile perché troppo spesso la politica italiana ha scelto di non intervenire.
 
Non di meno è grave che la Politica Comunitaria attuale non sia ancora consapevole del valore aggiunto che la tipicità delle produzioni rappresenta. Ci troviamo davanti ad un’Unione Europea che invece di valorizzare i prodotti di ogni singolo Stato europeo sceglie di cedere alle domande di un certo mercato facendo entrare nel territorio europeo prodotti di minor valore.
 
Tra l’altro è evidente la differenza che esiste tra il Sud Europa e il nord Europa: il primo più propenso alla produzione, il secondo più interessato ai guadagni della sola commercializzazione. Spesso infatti si fa finta di non vedere questa divergenza e così ci troviamo alle prese con situazioni in cui le merci, invece di approdare nel Sud Europa dove i controlli potrebbero essere più stringenti, entrano direttamente dai Paesi del nord e a quel punto è fatta.
 
Oltre a controlli più stringenti ci vuole anche maggiore informazione. Quello che dovremmo fare per tutelare e valorizzare i nostri prodotti è applicare ai prodotti etichette chiare per informare correttamente il consumatore in modo da renderlo consapevole che se paga qualcosa in più per un prodotto “buono” fa un investimento sul Paese.
 
Tuteliamo la buona produzione, tuteliamo il Made in Italy.

Tuteliamo il Made in Italy


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Portabilità transfrontaliera, dal 1 aprile i tuoi abbonamenti online potranno viaggiare con te in tutta Europa

Come vi avevo annunciato alcuni mesi fa (http://marcozullo.it/campagne/portabilita/) dal 1° aprile entrano in vigore in tutta Europa le norme che regolano la fruizione dei contenuti online in abbonamento. Cosa vuol dire? Che siamo riusciti a garantire che se acquistiamo in Italia un abbonamento ad un servizio online per guardare dei film o la serie tv▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Il lavoro senza dignità non deve esistere

Purtroppo nell’ambito agricolo siamo costretti ad affrontare il fenomeno del Caporalato, che si basa sulla gestione criminale del mercato del lavoro a danno soprattutto dei lavoratori. La gran parte di questi sono extracomunitari, che hanno estremo bisogno di lavorare e che quindi vengono reclutati e sfruttati da individui che molto spesso sono collegati o fanno▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Fake news e contenuti illegali online: cosa propone l’unione europea?

La battaglia alle fake news e ai contenuti illegali si fa sempre più attuale e rilevante, in particolare nel vastissimo mondo del web. A Bruxelles ora si punta a definire un codice di buone pratiche sul tema della disinformazione entro luglio 2018, con l’obiettivo di ottenere un impatto misurabile entro ottobre 2018. Nel mirino tutte le piattaforme▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Stop alle aste a doppio ribasso della GDO

È inaccettabile che il sistema della Grande Distribuzione Organizzata metta all’asta l’agricoltura italiana! La questione delle pratiche commerciali sleali nella filiera agroalimentare è nota da molti anni e in questo periodo più che mai si sta parlando delle aste a doppio ribasso messe a punto dalla GDO. Come funzionano? La procedura è molto simile a▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare