pubblicato il

Una mozione M5S nei Consigli Comunali per salvare il Lambrusco


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare
Una mozione da presentare nei consigli comunali della regione per salvare il Lambrusco, la cui tutela è stata messa in discussione dalla Commissione Europea.
Il documento che potete trovare a questo link  nasce dalla collaborazione con i portavoce del territorio, è stato illustrato mercoledì 24 dicembre nella sala consiliare di Vignola (Modena) con l’obiettivo di creare un fronte comune tra le amministrazioni locali a difesa del Lambrusco.
 
Tra gli intervenuti, rappresentanti del Consorzio Lambrusco, produttori vitivinicoli, il portavoce al Senato Luigi Gaetti e molti rappresentanti comunali.
lambrusco marco zullo m5s europa
 
Siamo esposti al rischio di perdere un possibile ricorso davanti alla Corte di Giustizia Europea a causa di una norma che, per come è attualmente scritta, attribuisce una tutela solo effimera al Lambrusco. Chiedere di lasciare tutto com’è non ci tutela. Al contrario, ci espone al rischio di una sentenza definitivamente contraria ai nostri interessi.
 
Il mese scorso, la Commissione europea ha sollevato la questione, rilevando che l’articolo 62 par. 4 del regolamento UE 607/2009 sulle denominazioni di origine e le indicazioni geografiche protette – nel cui elenco figura oggi il Lambrusco – stabilisce che tra i requisiti per poter inserire un vitigno in quella categoria ci sia necessariamente il riferimento all’elemento geografico di una denominazione protetta.
In “Lambrusco di Sorbara”, l’elemento geografico è “Sorbara”, non “Lambrusco”. Pertanto la Commissione, in punta di diritto, rischia di avere ragione: se un viticoltore straniero decidesse di ricorrere alla Corte di Giustizia Europea perché vuole scrivere in etichetta Lambrusco, è molto probabile che vinca.
 
Conviene dunque chiedere alla Commissione di rivedere davvero il regolamento 607/2009, ma non per eliminare il Lambrusco dalla lista dei vitigni tutelati, bensì per modificare i requisiti per l’iscrizione facendo in modo che la menzione Lambrusco possa restare in modo definitivo e inoppugnabile.
Come? Una soluzione potrebbe essere quella di attribuire rilevanza giuridica al profondo legame storico e culturale con il territorio da cui proviene il Lambrusco. Superando quindi il semplice collegamento ‘con l’elemento geografico della denominazione’, che non è sufficiente a garantire la tutela che auspichiamo.
 
Proprio in questa direzione andrà la mozione illustrata a fine dicembre, che il Movimento 5 Stelle presenterà nei consigli comunali del territorio e che verrà inviata al Commissario Ue all’Agricoltura Phil Hogan, al ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina e ai presidenti delle Commissioni Agricoltura di Camera e Senato.

Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Il Piano per Energia e Clima che guarda al futuro

In questi giorni il Ministero dello Sviluppo Economico ha inviato alla Commissione europea il Piano nazionale integrato per l’Energia e il Clima, elaborato dal Vicepremier Di Maio, dal Ministro dell’Ambiente Sergio Costa e dal Ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli. Questo documento tratta temi ambientali importanti sia a livello strategico che economico per il futuro. Contiene▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

L’Europa delle eccellenze: una agricoltura sostenibile

Gli scienziati stimano che se non ci fossero le api, mancando la loro opera di impollinazione, ci troveremmo in un mondo senza numerosi frutti e verdure, come pere, mele, zucche, angurie, kiwi, zucchine, pesche, albicocche e molto altro. Così centinaia di specie di piante scomparirebbero e la sopravvivenza del genere umano sarebbe a repentaglio. Le▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Come funziona il Reddito di Cittadinanza?

Dopo anni di battaglie in Parlamento il Reddito di Cittadinanza diventa realtà anche in Italia. Una rivoluzione felice: da ora lo Stato non ti chiede, ma ti dà. Una grande vittoria, non solo per il Movimento 5 Stelle, ma per tutto il popolo italiano, soprattutto per le 5 milioni di persone che momentaneamente si trovano▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Proteggi Italia, il piano per investire sulla sicurezza del territorio

Lo Stato torna finalmente a investire sulla sicurezza del territorio, con finanziamenti economici e competenze a favore delle Regioni e degli Enti Locali. Tutto ciò prenderà il via grazie al Piano Proteggi Italia promosso dal Governo Conte in questi giorni. Sono 10,8 i miliardi stanziati per il triennio 2019-2021 che provengono in gran parte da▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare