pubblicato il

Una vittoria per la democrazia


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

I grandi partiti europei come il PPE (quindi Forza Italia), l’S&D (quindi il PD) e l’ALDE hanno provato ad attaccare la democrazia con una modifica del regolamento sui gruppi politici al Parlamento europeo. Si sarebbero voluti attribuire il diritto di sciogliere i gruppi politici a propria discrezione ma grazie all’intervento della nostra delegazione del Movimento 5 Stelle questa eventualità è stata scongiurata durante i voti in seduta plenaria. Anche ai prossimi europarlamentari di minoranza sarà garantita la possibilità di prendere parte attivamente alle decisioni del Parlamento Europeo.

Ma ripercorriamo i fatti, partendo da una premessa che ci farà capire il contesto in cui ci troviamo.

Al Parlamento europeo, per avere strumenti operativi e intervenire sui report, bisogna far parte di un gruppo politico. Ai gruppi politici sono garantiti infatti dei tempi di parola durante i dibattiti, è garantito di avere dei relatori ombra o relatori principali che possano mettere mano sui report e che hanno quindi la possibilità di partecipare attivamente e incidere su ciò che si discute.
L’alternativa sarebbe far parte dei “non iscritti”, questi, però, non hanno la possibilità di incidere nel processo decisionale avendo molto meno tempo di parola e non potendo nominare relatori per le discussioni delle norme.

Arriviamo ora a quanto accaduto ieri in aula.
Si sono votati gli emendamenti attraverso cui l’establishment della maggioranza avrebbe voluto permettere lo scioglimento di un gruppo politico, basando il giudizio sull’affinità politica tra i componenti del gruppo stesso.
Il problema sta nel fatto che di definizioni di affinità politica non vi era traccia all’interno del testo del regolamento. Perciò, la maggioranza avrebbe potuto stabilire autonomamente che cosa fosse questa affinità e quindi deliberare secondo dei criteri soggettivi e del proprio interesse. Così si sarebbe andati a sciogliere un gruppo senza motivi reali e oggettivi, ma soltanto perché, a discrezione di qualcuno, non ci sarebbe affinità politica. Un buon modo per rendere inoffensivi gruppi politici scomodi.

Noi del Movimento 5 Stelle abbiamo sensibilizzato i nostri colleghi contro questo approccio antidemocratico e fortunatamente le modifiche non sono passate per la mancanza della maggioranza assoluta (50% + 1 di tutti i deputati). I grandi partiti, che si erano coalizzati per decidere arbitrariamente della vita o della morte dei gruppi politici, sono stati sconfitti. Il nostro successo permetterà a tutti i parlamentari del prossimo Parlamento, anche ai gruppi di opposizione, di poter fare il proprio lavoro.

Una grande vittoria per la democrazia, perché è fondamentale il rispetto dell’opinione di tutti e tutti devono poter lavorare e potersi confrontare sui temi.
C’è ancora molto da fare perché l’Europa sia realmente espressione di un bene comune dei cittadini europei. Noi non ci arrenderemo e porteremo sempre avanti con forza i principi della democrazia in tutte le nostre azioni.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

#NoPalmInMyTank per dire NO all’olio di palma nei carburanti

Ieri, 16 gennaio, insieme ad alcuni colleghi, al Parlamento europeo di Strasburgo abbiamo manifestato contro i combustibili derivanti da olio di palma. Questi combustibili sono tutt’altro che verdi, sono ritenuti tre volte più dannosi dei normali carburanti diesel. Sono causa di inquinamento, deforestazione e distruzione degli habitat naturali di diversi animali, tra cui gli oranghi▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Epifania

Sono stati anni duri, siamo entrati in Parlamento per portare dei valori, per migliorare questa società. Mi sono scontrato con una macchina istituzionale logorata, che troppo spesso tramuta il bene comune in un interesse di pochi. Ho dovuto studiare, capire non solo i meccanismi ufficiali ma anche le prassi, quelle regole non scritte che se▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Obiettivi di Sviluppo Sostenibile – Le interviste

In occasione dell’evento che ho organizzato al Parlamento europeo di Bruxelles per sottolineare l’importanza degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile per le imprese, ho avuto l’opportunità di confrontarmi e avere uno scambio di idee con alcuni dei protagonisti della giornata: Marco Antonio Attisani, Fondatore della Startup innovativa italia Watly; Erico Giovannini, Portavoce dell’Alleanza Italiana per lo▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Dare sempre il massimo: il nostro percorso verso il cambiamento

Questa legislatura Europea ha rappresentato 5 anni decisamente intensi. Una esperienza incredibile. Assieme ai miei colleghi, a tanti altri portavoce e attivisti, abbiamo combattuto fianco a fianco battaglie durissime per il bene della collettività, di tutti. E abbiamo ottenuto grandi risultati. In questi 5 anni ho cercato di accogliere quante più istanze possibili dal territorio▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare