pubblicato il

Un’etichettatura trasparente per tutelare il consumatore


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

La sentenza della Corte di giustizia europea che ha recentemente vietato la denominazione “latte” per gli alimenti vegetali a base di soia per non confonderli con gli alimenti di natura animale come il latte, sicuramente ha l’intento di garantire la trasparenza e di tutelare i consumatori nelle loro scelte d’acquisto, cautelandoli dalle frodi.

latteveg10

Ci sono però tre considerazioni che mi sorgono spontanee su questo tema così delicato. La prima è che il termine “latte” per i prodotti a base di soia ha aiutato molti consumatori a identificare un prodotto la cui funzione è alternativa a quella del latte. Quindi banalmente, chiedere al bar un cappuccino con il latte di soia significa semplicemente identificare un prodotto alternativo al latte che per questioni etiche o di salute si vuole utilizzare. Personalmente quindi vedo molto di più l’accezione latte per aiutare il consumatore ad individuare un prodotto che non sia a base di proteine animali più che il fatto di trarlo in inganno con una dicitura che genera confusione, anche se ciò ovviamente non si può escludere.

La seconda considerazione riguarda il mercato dei prodotti vegetali che sostituiscono il latte, mercato che è in forte crescita, quantomeno secondo i dati Nielsen che riportano un + 7,8 % nello scorso anno pari a circa 200 milioni di euro in Italia, e soprattutto che certificano un trend inarrestabile. E’ facile quindi pensare che in un contesto molto competitivo e fortemente in crisi come quello del latte, sia in corso una battaglia commerciale a tutela di questo comparto a tutti i livelli.

Anche perché se no non si spiegherebbe la mia terza osservazione, ovvero che per i prodotti vegetali sostitutivi della carne la situazione è esattamente opposta: il cosiddetto “meat sounding”, ovvero i prodotti denominati ad esempio salame vegano, spezzatino di soia, bistecca di tofu, hamburger di soia o bresaola vegana, vede la posizione favorevole della Commissione europea. In particolare lo scorso anno, a fronte di un’interrogazione su questo tema da parte di due europarlamentari italiani presentata il 28 ottobre, la Commissione ha stabilito che i termini «fettina», «bistecca», «cotoletta» e simili si possono usare anche per i prodotti vegan. Il divieto dell’utilizzo di tali denominazioni è previsto solo nel caso in cui si riferisca a «denominazioni espressamente tutelate», ovvero a prodotti Igp e Dop come la bresaola, la mortadella o il prosciutto.

Cosa dire? Francamente credo che i parlamentari europei e la Commissione dovrebbero focalizzare il loro lavoro su un’etichettatura trasparente e chiara, l’unica che portata avanti in modo rigoroso possa garantire la salute e le scelte d’acquisto consapevoli dei cittadini.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Portabilità transfrontaliera, dal 1 aprile i tuoi abbonamenti online potranno viaggiare con te in tutta Europa

Come vi avevo annunciato alcuni mesi fa (http://marcozullo.it/campagne/portabilita/) dal 1° aprile entrano in vigore in tutta Europa le norme che regolano la fruizione dei contenuti online in abbonamento. Cosa vuol dire? Che siamo riusciti a garantire che se acquistiamo in Italia un abbonamento ad un servizio online per guardare dei film o la serie tv▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Siamo noi a guidare il trattore, se lo vogliamo

In questi anni (ormai siamo quasi a 4) in cui mi occupo di agricoltura qui in Parlamento europeo, ho avuto l’opportunità di conoscere diverse realtà produttive e distributive sia per dimensione, che per modello organizzativo che per approccio. Ho così potuto osservare anche un’evoluzione molto netta nelle scelte d’acquisto delle persone grazie ad una maggiore▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Mai più spose bambine

Oggi, festa internazionale della donna, il mio pensiero va a tutte le bambine che vivono il dramma dei matrimoni precoci. 

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Quote latte: a pagare siano i responsabili della malagestione, non i cittadini

La condanna della Corte di giustizia europea per le quote latte secondo cui l’Italia “è venuta meno agli obblighi” per la produzione di latte in eccesso rispetto alla quota nazionale è un grande batosta. Chi politicamente è responsabile di tale sentenza -relativa al mancato recupero di una cifra stimata in 1,34 miliardi di multe sulle▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare