pubblicato il

Verso un mercato più sano ed equo


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

La prossima settimana a Bruxelles parteciperò ai dibattiti delle Commissioni IMCO e AGRI per discutere sulle pratiche commerciali sleali nel settore alimentare. Sembrano argomenti molto lontani dalla vita quotidiana di ogni cittadino, ma in realtà ciò che succede nell’ambito del commercio interaziendale, trova un riscontro tangibile anche nella realtà di tutti i giorni per i consumatori.

Chiariamo innanzitutto di che cosa si tratta. Le pratiche commerciali sleali sono quelle pratiche che non seguono una buona condotta sul mercato, sono in contrasto con i principi di buona fede e correttezza e di solito vengono imposte da un partner commerciale più forte a un altro contrattualmente più debole. Proprio la filiera alimentare è particolarmente esposta a questo fenomeno e la proposta che si sta discutendo al Parlamento europeo si occupa anche dei prodotti agricoli e della pesca.

Il testo vuole introdurre un livello minimo di tutela in materia di pratiche commerciali sleali, in quanto queste vanno a ledere gli anelli più deboli: noi consumatori e i piccoli produttori. Questi ultimi non hanno abbastanza forza contrattuale per contrastare lo strapotere della grande distribuzione e necessitano di maggiori strumenti per proseguire in maniera redditizia la propria attività. Perciò, prima di intraprendere grosse spese di fondi pubblici, è fondamentale che vengano create le giuste condizioni di mercato che permettono ai piccoli agricoltori di operare nel proprio settore vedendosi riconosciuto il giusto profitto.

Tali norme si dovranno applicare anche ai fornitori di paesi esterni all’Unione Europea, così che gli acquirenti non siano incentivati ad acquistare da un mercato libero di imporre le sue regole, garantendo perciò l’equità ed evitando distorsioni indesiderate.

Viene imposto, inoltre, agli Stati membri dell’UE di indicare un’autorità competente per il contrasto delle pratiche commerciali sleali, che sia dotata della facoltà di avviare indagini di propria iniziativa o in seguito a una denuncia e stabilire le giuste sanzioni.

Lavorerò affinché con questa normativa si possa dare una svolta al nostro mercato verso condizioni di lavoro più eque e che permetta una giusta distribuzione del reddito su tutta la filiera agricola.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

PAC: no ai tagli in agricoltura annunciati da Oettinger. Si punti ad una politica di risparmio

Il commissario Oettinger poco tempo fa ha annunciato tagli per 10 miliardi al bilancio per l’agricoltura, mettendo in grave difficoltà Paesi come l’Italia. Pur comprendendo la necessità di rivedere le dotazioni sono convinto che la soluzione migliore non siano i tagli, ma i risparmi: non sforbiciate lineari qui e là, ma un’analisi attenta di come▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Chiusura Eaton Srl a Monfalcone: faremo il possibile per dare un futuro agli operai

Lunedì pomeriggio ho incontrato a Monfalcone i rappresentanti dei lavoratori della Eaton Srl, multinazionale del settore elettrico e industriale. È stato un passaggio dovuto, in quanto la Eaton sta viaggiando verso il buio assoluto, lasciando senza prospettiva lavorativa un capitale umano di 157 operai, più interinali e indotto. Spesso ci si dimentica che dietro a degli operai▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Mettiamo fine agli allevamenti di animali da pelliccia in Europa! #MakeFurHistory

Sono molto felice di aver firmato in Parlamento europeo la petizione per mettere fine agli allevamenti di animali da pelliccia! Già molti Paesi europei come Austria, Gran Bretagna, Croazia e Slovenia hanno proibito l’allevamento di “animali da pelliccia”, termine già di per sé ridicolo, e molti altri Paesi come Olanda, Norvegia, Serbia e Repubblica Ceca hanno▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Nell’agroalimentare premiamo la qualità: i nostri agricoltori devono tornare a fare reddito

Ieri ho incontrato i rappresentanti di Confagricoltura Rovigo in Parlamento europeo per ascoltare quali difficoltà affrontano i nostri agricoltori. Spesso infatti, dietro a dei prodotti italiani di altissima qualità ci sono degli agricoltori che fanno fatica a fare reddito a causa di normative europee che di fatto penalizzano la qualità dei controlli svolti in Italia. Di conseguenza▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare