pubblicato il

Vivere oltre i limiti della natura: l’Italia va incontro all’Overshoot Day


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Secondo il report del WWF e del Global Footprint Network il 15 maggio per l’Italia sarà l’Overshoot Day, data simbolica che segna l’esaurimento della biocapacità del nostro territorio, ovvero la capacità degli ecosistemi di rinnovarsi nell’arco di un anno e fornire servizi indispensabili quali cibo, fibre, legname, terreni e capacità di assorbimento del carbonio.

Questa data è stata ottenuta calcolando il numero di giorni dell’anno in cui la biocapacità è sufficiente a sostenere la nostra impronta ecologica. Quest’ultima intesa come l’ammontare dell’area di terra e dei mari biologicamente produttivi, richiesti per produrre tutte le risorse dovute al consumo della popolazione e all’assorbimento dei suoi rifiuti. Ciò significa che l’Italia, in soli cinque mesi, ha consumato risorse naturali più velocemente del tempo che occorre loro per rinnovarsi, esaurendole completamente.

Ogni anno l’Overshoot day cade in giorni diversi a seconda del paese cui ci si riferisce e dello stile di vita. Il 10 maggio è già toccato alla nostra Europa la quale, nonostante rappresenti appena il 7% della popolazione mondiale, utilizza il 20% della biocapacità del Pianeta. L’ammontare di risorse naturali terrestri e marine consumate da ogni cittadino europeo risulta essere la più alta a livello globale, triste record condiviso con gli Stati Uniti. È impressionante pensare che per riuscire a mantenere tale stile di vita servirebbero ben 2,8 Terre solamente per gli europei.

Il fenomeno dell’Overshoot è una problematica che riguarda il nostro Pianeta già dal 1970. Si tratta di un’emergenza che negli anni ha causato la drastica diminuzione degli stock delle risorse disponibili, il rapido accumularsi di rifiuti che i sistemi naturali non sono in grado di assorbire o riciclare, la crescente concentrazione di carbonio in atmosfera ed i conseguenti cambiamenti climatici.

I segnali sono chiari. Non è più accettabile tollerare questa devastazione per il bene nostro e per la salvaguardia della Terra; continuare a contribuire a questo crollo è da irresponsabili. Non ci sono più scuse, le soluzioni ci sono e sono tante, ne abbiamo parlato tante volte su questi canali, da una agricoltura sostenibile alle città a misura di persona: è fondamentale individuare e mettere in pratica azioni concrete che rendano possibile un futuro florido per l’Italia, per l’Europa, per l’intero Globo.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Riforma della PAC: per un’agricoltura più sostenibile e meno burocratica.

Realizzare una nuova politica agricola comune più sostenibile ed equa, con meno burocrazia: questo è l’obiettivo comune. Ormai da molti mesi lavoriamo per costruire una nuova politica agricola basata sul progresso, in termini di innovazione, sostenibilità, supporto. Per questo motivo, movimenti come quello di #cambiareagricoltura sono voci da ascoltare, perché partono da un principio inviolabile:▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

L’Europa dice STOP alle plastiche monouso dal 2021

Il Parlamento europeo ha finalmente approvato in via definitiva una nuova direttiva che mette al bando dal 2021 oggetti di plastica monouso quali piatti, posate, cannucce e bastoncini per palloncini. In particolare, si vieta la commercializzazione di quei prodotti di plastica monouso che possono essere sostituiti da alternative sostenibili. La direttiva, inoltre, impone agli Stati▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

I cittadini devono riprendersi l’Europa

Per riconquistare la fiducia dei cittadini dopo anni di crisi ed errori, l’Europa deve tornare ad essere una comunità dove le persone vengono messe al primo posto ed i privilegi e gli interessi dei potenti eliminati. La nostra forza è data proprio da quei cittadini che il 4 marzo 2018 hanno scelto il cambiamento. Le▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Proteggiamo la terra che ci ospita: Global Strike for Future

Oggi in moltissime piazze del mondo, milioni di ragazzi e non solo, si riuniranno per chiedere risposte e provvedimenti concreti contro i cambiamenti climatici. Sarà una manifestazione senza bandiere o colori politici, ma uniti per il nostro Pianeta, patrimonio che appartiene a tutti. Anche noi del Movimento 5 Stelle Europa abbiamo manifestato in settimana davanti▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare