pubblicato il

Voto sulla PAC: Zullo all’Europarlamento


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

No a tagli indiscriminati, serve maggiore attenzione a chi contribuisce al bene comune con la propria attività

 

agricoltura zullo

 

Conclusa con il voto dell’Assemblea la seduta Plenaria a Strasburgo sulla PAC: un voto che ancora non decide sull’applicazione della politica agricola ma delinea la posizione del Parlamento in merito alle priorità che dovranno essere al centro della riforma.

In qualità di Eurodeputato del MoVimento 5 Stelle ho così espresso la posizione del gruppo durante il mio intervento: “In Commissione abbiamo lavorato a ritmi serrati per giungere ad una posizione omogenea sulla Politica Agricola del domani. Ciò che preoccupa di più sono sicuramente i tagli al bilancio annunciati, che oggi sembrano addirittura più pesanti di quanto prospettato in un primo momento, tanto da poter inficiare un buon andamento della Politica stessa. È quanto mai necessario concentrarsi invece sui risparmi mirati, sull’efficienza della spesa e sull’efficacia delle azioni proposte.”

Il “new delivery model“, presentato come una via di maggiore autonomia per gli Stati membri, rischia invece di essere un ritorno al concetto di nazionalizzazione per tutto il settore agricolo, in cui il soggetto che deve individuare regole e misure è lo stesso che poi dovrà applicarle e anche valutarne l’applicazione, frammentando così ulteriormente il mercato a causa dei nuovi spazi lasciati alla concorrenza sleale tra nazioni.

La riforma in arrivo è un’occasione unica, da non perdere, per disegnare una nuova politica agricola fondata sul rispetto dell’ambiente e la promozione dello sviluppo per un modello produttivo e di consumo del cibo più sostenibile e più equo in particolar modo per i soggetti più deboli della filiera.

Giudichiamo in modo positivo l’ambizione che identifica le giuste priorità in attuazione di norme amministrative, chieste a gran voce dagli agricoltori. Ma come realizzare tale percorso? Innanzitutto con la semplificazione delle procedure burocratiche, così da rendere più agevole la raccolta dei dati e l’erogazione dei fondi; in secondo luogo rafforzando la premialità per gli agricoltori che contribuiscono al bene pubblico con la loro attività. Infine, ribadiamo l’opportunità di un tetto per i pagamenti diretti, al fine di non incentivare le speculazioni finanziarie e la concentrazione dei terreni: dobbiamo supportare le piccole e medie aziende con aiuti modulati e degressivi che rappresentino davvero un sostegno alle piccole e medie imprese e non un modo per falsare il mercato a favore dei grandi.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Riforma della PAC: per un’agricoltura più sostenibile e meno burocratica.

Realizzare una nuova politica agricola comune più sostenibile ed equa, con meno burocrazia: questo è l’obiettivo comune. Ormai da molti mesi lavoriamo per costruire una nuova politica agricola basata sul progresso, in termini di innovazione, sostenibilità, supporto. Per questo motivo, movimenti come quello di #cambiareagricoltura sono voci da ascoltare, perché partono da un principio inviolabile:▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Spazio Europa: 9 e 10 marzo a Milano

🗓 9 e 10 marzo: SPAZIO EUROPA a Milano – Quattro grandi aree e tre laboratori attivi per accogliere attività di formazione, gruppi di lavoro, dibattiti, presentazioni di libri e interventi di ospiti speciali – Un percorso che si snoda attraverso molteplici sale a tema – 12 funzioni di Rousseau da scoprire – 5.000+ presenze▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Evento > Alimentare: dal nutrimento sano al benessere sociale

L’evento “Alimentare” sarà un momento di condivisione e confronto sul tema dell’economia sana, legata indissolubilmente al benessere della persona. In questo senso, il titolo scelto assume un carattere più ampio: alimentare inteso come nutrimento del corpo, della mente, della terra e della società. Questo è in breve l’appuntamento che si terrà a Bologna sabato 13▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

L’UE potrebbe permettere un falso Made in Italy per i vini!

La tanto attesa modifica del regolamento sull’etichettatura dei vini proposta dalla Commissione europea (EC), potrebbe nascondere una pericolosa insidia per il Made In Italy. Nello specifico, la prima stesura del testo, in francese, conteneva una disposizione che permette ai produttori di vini varietali (non tutelati da indicazioni geografiche) di indicare in etichetta il Paese di▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare