Facciamo il punto sull’informazione, sulle censure, sulle fake news

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Era da diverso tempo che stavo ragionando sul destino dei media e dei new media, sul fatto che ormai ognuno è autore e allo stesso tempo editore di se stesso, sulla superficialità con la quale alle volte si divulgano notizie non vere o non verificate. E poi c’è la censura, noi del Movimento 5 Stelle la conosciamo bene la censura, imposta da larga parte della stampa e delle televisioni, oramai spudoratamente schierate con l’establishment. Dove finisce il diritto di divulgare e dove inizia il dovere di verifica le fonti? Chi sono i censori della rete, quali possono essere gli scenari dell’informazione?

Non so se sono in grado di dare una risposta univoca e secca, ma proverò comunque a fare un ragionamentoad alta voce e allargato, grazie ad alcuni esperti che assieme a me domani 8 giugno alle 9,30 avendo accettato il mio invito, ne parleranno in Parlamento a Bruxelles.
Guido Scorza, avvocato – docente di diritto delle nuove tecnologie, Petra Reski giornalista d’inchiesta, Bruno Zambardino direttore dell’ Osservatorio sui Media I-Com – Istituto per la Competitività, Max von Abendroth amministratore delegato di EMMA – The European Magazine Media Association, e dulcis in fundo Diego Ciulli, responsabile politiche pubbliche Google Italia e Thomas Myrup Kristensen
Amministratore delegato affari europei di Facebook.

Seguite la diretta sulla mia pagina Facebook e fate i vostri commenti. E’ importante!
CartOrizz_EFDDinformazioneEXE2

Ti potrebbe interessare anche


Al PD un altro Dieselgate sta bene. A noi no!

Nessun gioco al ribasso: servono misure più stringenti per evitare conflitti di interesse. Vogliamo l’inasprimento delle sanzioni e controlli effettuati non solo in uno Stato. Se è vero che da un lato l’accordo tra Stati membri prevede il monitoraggio dell’omologazione dei veicoli a livello dell’UE, dall’altro lato mina il senso della riforma stessa. Fondamentale è … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


In agricoltura paghiamo la mancanza di visione

Il contesto agroalimentare europeo è potenzialmente un’opportunità eccezionale per il nostro Paese. L’Italia ha tutti gli ingredienti per essere leader in Europa. Purtroppo oggi così non è, a causa di una burocrazia che uccide letteralmente l’impresa agricola. I soldi europei ci sono ma magari manca un decreto che serve a sbloccarli, le politiche del lavoro … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Innoviamo l’agricoltura attraverso salute e qualità

La scorsa settimana ho partecipato come relatore ad un incontro in Parlamento europeo sull’innovazione agricola e all’impatto di questa nel nostro quotidiano. Quando si parla di innovazione agricola penso ad un approccio rivolto al futuro, che porti benessere, un benessere in termini di salute e di qualità. Penso dunque ad un’innovazione sostenibile, non solo dal … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


MENO CARNE, PIU’ VEGETALI E FRUTTA E MENO LOBBY ?

Leggo sul Sole 24 Ore un articolo che si riferisce alle ultime rilevazioni ISTAT sui consumi degli italiani che denotano un calo nei consumi della carne ed un aumento dei consumi relativo alla frutta e alla verdura. Mi auguro che questa rilevazione non sia una fotografia ma il frame di un video che mostri una … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare