Facciamo il punto sull’informazione, sulle censure, sulle fake news

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Era da diverso tempo che stavo ragionando sul destino dei media e dei new media, sul fatto che ormai ognuno è autore e allo stesso tempo editore di se stesso, sulla superficialità con la quale alle volte si divulgano notizie non vere o non verificate. E poi c’è la censura, noi del Movimento 5 Stelle la conosciamo bene la censura, imposta da larga parte della stampa e delle televisioni, oramai spudoratamente schierate con l’establishment. Dove finisce il diritto di divulgare e dove inizia il dovere di verifica le fonti? Chi sono i censori della rete, quali possono essere gli scenari dell’informazione?

Non so se sono in grado di dare una risposta univoca e secca, ma proverò comunque a fare un ragionamentoad alta voce e allargato, grazie ad alcuni esperti che assieme a me domani 8 giugno alle 9,30 avendo accettato il mio invito, ne parleranno in Parlamento a Bruxelles.
Guido Scorza, avvocato – docente di diritto delle nuove tecnologie, Petra Reski giornalista d’inchiesta, Bruno Zambardino direttore dell’ Osservatorio sui Media I-Com – Istituto per la Competitività, Max von Abendroth amministratore delegato di EMMA – The European Magazine Media Association, e dulcis in fundo Diego Ciulli, responsabile politiche pubbliche Google Italia e Thomas Myrup Kristensen
Amministratore delegato affari europei di Facebook.

Seguite la diretta sulla mia pagina Facebook e fate i vostri commenti. E’ importante!
CartOrizz_EFDDinformazioneEXE2

Ti potrebbe interessare anche


Non abboccate alla propaganda, col CETA le PMI sono a rischio

Le dichiarazioni dei Ministri dell’Agricoltura Martina e dello Sviluppo economico Calenda riportate sulla Gazzetta di Parma hanno davvero dell’incredibile: essi di fatto affermano come, grazie al CETA, ci saranno benefici per le nostre aziende, piccole e medie e per i nostri cittadini. I lettori della Gazzetta di Parma non devono credere a tali assurdità: frasi … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Pesticidi: gli Stati dell’UE sono negligenti

Credo che gli Stati membri si debbano fare un bell’esame di coscienza e assumersi tutte le responsabilità politiche in seguito al rapporto della Commissione europea sull’uso sostenibile dei pesticidi. In pratica gli Stati membri, pur avendo a disposizione strumenti più sostenibili, continuano ad utilizzare i pesticidi tradizionali.  Di fatto ieri la Commissione europea ha criticato … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


I magredi sono un patrimonio naturalistico comune e vanno tutelati

Non so quanti di voi conoscano la zona dei Magredi, un’incredibile spianata tra due fiumi, il Meduna e il Cellina, quest’ultimo un enorme corso d’acqua che una volta scorreva in superficie, ora non più, e che ci ha lasciato traccia del suo passaggio con questo incredibile scenario. I Magredi sono una prateria ghiaiosa, una steppa … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Glifosato: nessuna intesa tra gli Stati UE ma la Commissione Europea vuole andare avanti

Non è stata trovata alcuna intesa sulla proposta di rinnovo dell’autorizzazione del glifosato per cinque anni e così la Commissione europea ha deciso di proseguire. Se non otterrà la maggioranza qualificata a fine novembre in comitato d’appello, sarà comunque libera di adottare tale proposta. Noi del M5S chiediamo sia adottato il principio di precauzione e … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare