Portabilità: ora potrai accedere ai tuoi servizi anche dall’estero!

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Oggi il Parlamento Europeo ha approvato a larghissima maggioranza la proposta di regolamento che istituisce la portabilità transfrontaliera dei contenuti digitali.

PORTABILI

Proposta per la quale mi sono battuto in qualità di relatore del report per la Commissione mercato interno e protezione dei consumatori (IMCO), seguendone i lavori sia durante l’iter parlamentare che durante le negoziazioni con il Consiglio dell’UE.

E’ una grande soddisfazione, anche personale, vedere che l’impegno costante a favore dei cittadini ripaga la loro fiducia e il loro supporto con risultati concreti e tangibili.

In un’Unione che punta sempre più alla mobilità dei suoi cittadini, l’impossibilità di usufruire liberamente dei servizi digitali legittimamente acquistati è una barriera inconcepibile.

Acquistando un abbonamento #online (musica, serie TV, film, libri o altri contenuti multimediali) e viaggiando all’estero, fino ad oggi non era possibile usufruire dei contenuti pagati in Italia. In altre parole, l’accesso al servizio era concesso soltanto nel Paese in cui si risiede, per non violare la normativa sul copyright.

Con il voto di oggi in seduta plenaria a Strasburgo questa limitazione sarà un lontano ricordo!

Grazie al meccanismo della portabilità sarà infatti possibile usufruire dell’abbonamento anche quando ci si trova temporaneamente in un altro Stato membro per motivi di lavoro, studio o vacanza. Nel testo della proposta sono ben presenti i principi per cui mi sono fin da subito battuto.

Abbiamo innanzitutto ottenuto che non vi siano limiti temporali al soggiorno temporaneo all’estero, avvenga esso per turismo, lavoro o studio, e che qualsiasi clausola contrattuale che miri a limitare la portabilità nel tempo sia inapplicabile, per evitare abusi e compressioni dei diritti dei cittadini.

Siamo riusciti a ottenere un forte richiamo alla tutela dei dati personali e sensibili, perciò qualsiasi strumento di verifica della residenza dell’abbonato dovrà rispettare i criteri di proporzionalità e non invasività, riducendo al minimo le procedure.

Si tratta di un risultato importante a tutela della certezza giuridica per i consumatori, per fare in modo che i provider non siano liberi di chiedere qualsiasi documento essi vogliano. Abbiamo inoltre specificato che i dati così raccolti devono essere utilizzati unicamente per la verifica dello Stato membro di residenza e distrutti subito dopo.

A maggior tutela della privacy, abbiamo anche scritto a chiare lettere che in nessun caso l’utente debba esser tracciato o geolocalizzato.

Infine, abbiamo lottato per esplicitare il divieto di prevedere costi aggiuntivi per l’abbonato collegati alla portabilità.

La portabilità transfrontaliera risolve finalmente un problema che ostacolava la mobilità di tanti cittadini. Certamente resta però ancora molto da fare per costruire un mercato unico solido, robusto, senza barriere.

Noi aspiriamo ad ottenere di più e continueremo a batterci per un’Europa in cui i cittadini non debbano subire alcun tipo di discriminazione dipendente dall’esistenza di confini amministrativi e territoriali!

Ti potrebbe interessare anche


Glifosato: possibile conflitto di interessi per l’Agenzia chimica UE

L’Agenzia europea per le sostanze chimiche (ECHA) è stata accusata da Greenpeace Europa di violare le regole sul conflitto di interessi riguardo alla valutazione sul rischio cancerogeno del glifosato. Questa infatti si riunirà nuovamente il prossimo 15 marzo per valutare gli impatti del glifosato sulla salute e sull’ambiente ma la valutazione potrebbe essere ben lontana … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Carne avariata dal Brasile, basta giocare con la nostra salute

Dopo settimane, ancora non è stata fatta chiarezza sullo scandalo della carne brasiliana avariata. Notizie più e meno preoccupanti si susseguono sui media, e perciò, di fronte a questa incertezza, mi sono rivolto direttamente al Commissario alla Salute Andriukaitis durante la sessione plenaria del Parlamento. Le informazioni che abbiamo ricevuto dalla Commissione sono tutt’altro che … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Da oggi un passo avanti nell’etichettatura, maggiore trasparenza per latte e formaggi

Dal 19 aprile, in Italia è scattato l’obbligo di indicare nell’etichettatura l’origine delle materie prime in tutti i prodotti lattiero-caseari. Oggi, non per tutti i prodotti questo è possibile. Ritengo che sia un passo fondamentale verso la più completa trasparenza nei confronti dei consumatori, nonché per la valorizzazione delle produzioni locali di qualità, per la … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


La Brexit e i programmi scolastici europei per gli studenti

Molti ragazzi si stanno chiedendo che ne sarà dei loro sogno di andare a studiare in Inghilterra quando avrà inizio operativamente la Brexit. Una domanda legittima che può avare più di una risposta, sia perché la situazione è ancora parecchio incerta sia perché l’Europa offre esperienze di studio fantastiche non solo in Inghilterra. Probabilmente molti … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare