Biologico

Le moderne tecniche di coltivazione biologica permettono di raggiungere ottime rese e una qualità superiore senza l’uso di pesticidi e fertilizzanti sintetici. Per il Movimento 5 Stelle il biologico deve essere la stella polare della nostra agricoltura, il modello al quale dobbiamo tendere per assicurarci un futuro più sano e in armonia con l’ambiente. Parliamo di un settore economico con un trend positivo a doppia cifra che dura da 7 anni, destinato a diventare il fiore all’occhiello dell’agroalimentare di qualità.

Perché scegliere il Biologico

L’impiego di sostanze chimiche in agricoltura pone la questione degli effetti negativi sull’ambiente e sulla salute umana. La maggior parte dei pesticidi è infatti costituita da molecole di sintesi create per combattere alcuni organismi, ma si rivelano generalmente pericolosi per gli organismi viventi, come conferma un’ampia letteratura scientifica. Questo spiega perché l’interesse dei consumatori per i prodotti biologici sia fortemente cresciuto negli ultimi anni.

Nei primi 5 mesi del 2014, i consumi nel mercato italiano del biologico sono cresciuti del 17,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Un trend positivo che dura da 7 anni, mentre nello stesso periodo in Italia i consumi alimentari sono calati a picco. Gli operatori del settore biologico sono oltre 52mila con un aumento complessivo del 5,4% rispetto al 2012. Anche la superficie coltivata con metodi bio è in aumento del 12,8% rispetto al 2012.

L’Italia è prima in Europa per numero di aziende e superfici dedicate al Bio, sesta al mondo in termini di fatturato. Nel nostro Paese il settore bio vale 3,1 miliardi di euro. Non certo cifre di poco conto. Un euro investito nel Bio vale di più. Molto di più. Perché investire nei prodotti biologici significa investire sulla salute della terra che abitiamo e troppo spesso maltrattiamo. Significa investire sulla nostra salute.

Posizione del M5S

Il Movimento 5 Stelle sostiene un biologico senza se e senza ma, senza aziende miste, né Ogm. Un biologico con controlli regolari sul campo che tutelino il prodotto e dunque il consumatore. Un biologico con regole chiare e stringenti, ma che non stritolino gli agricoltori, ai quali deve essere garantito un ritorno economico più che dignitoso.

Linee guida alle quali abbiamo tenuto fede anche nei 22 emendamenti alla nuova normativa che regolamenterà il settore. Il biologico deve essere visto come un sistema sostenibile nel suo complesso, deve contribuire a tutelare l’ambiente, il clima e gli esseri viventi. La qualità dei prodotti biologici va assicurata durante ogni fase di produzione, trasformazione e distribuzione. E negli emendamenti lo scriviamo a chiare lettere.

 

 



Il Biologico è il futuro, lavoriamo per un regolamento Ue dalla parte dei consumatori

Il presidente della Commissione Europea Juncker ha deciso che la proposta relativa ad un nuovo regolamento per il settore biologico verrà ritirata in caso di mancato accordo tra i ministri dell’agricoltura dei 28 Stati Membri entro il 30 giugno 2015. Il Parlamento Europeo questo accordo lo vuole trovare, sta lavorando per questo. Ma se qualità … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Agricoltura, Europa, Video

Nuovo regolamento sul biologico sempre più a rischio, il pericolo è che venga stralciato

Il nuovo regolamento europeo sul biologico è sempre più a rischio, dopo la decisione di posticipare la scadenza degli emendamenti di ben due mesi, dal 27 febbraio al 23 aprile. Ora, il pericolo concreto è che venga stralciato. Un’ipotesi a dir poco allarmante. Cosa sta accadendo? Lo spiego subito. Prima, ci ha pensato Jean Claude Juncker … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Agricoltura, Europa

Tutte le ragioni del biologico, la riforma e le cifre

L’attuale modello agricolo, imperniato sull’agricoltura convenzionale, è ormai superato. Le moderne tecniche di coltivazione permettono di raggiungere ottime rese e una qualità superiore senza l’uso di pesticidi e fertilizzanti sintetici. L’interesse dei consumatori per i prodotti biologici é in netta crescita. In consumi bio hanno registrato il segno + negli ultimi 7 anni, mentre nello … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Agricoltura, Europa

Più Biologico nei corsi universitari. Non è forse ora?

Il biologico continua la sua crescita esponenziale, mentre il resto dei consumi alimentari va a picco per via della crisi. Per questo il Movimento 5 Stelle si rammarica ancor di più per l’occasione persa dal semestre italiano a guida Renzi, che non è riuscito a portare a termine un report così importante per la nostra … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Categorie: Agricoltura, Video

Biologico, cosa chiedete alla nuova normativa europea?

In Italia, i consumi crollano a picco per via della crisi, ma la domanda di prodotti biologici è cresciuta del 17,3% nei primi cinque mesi del 2014 rispetto allo stesso periodo del 2013. Gli operatori del settore biologico sono oltre 52 mila, con un aumento complessivo del 5,4% rispetto al 2012. Mentre il giro d’affari … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Agricoltura, Europa

Biologico tra le priorità del semestre lettone, non di quello italiano

Togliere il nuovo regolamento del biologico dall’impasse in cui lo ha lasciato il semestre italiano è tra le priorità del semestre di presidenza lettone dell’Ue appena cominciato. In Lettonia il giro di affari del biologico vale 10 milioni di euro, in Italia 3,1 miliardi. Eppure il Governo Renzi non ha fatto nulla in Europa per … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Agricoltura, Europa

Juncker mette in stand-by biologico e programma frutta e latte nelle scuole

Facevamo bene a preoccuparci. Il nuovo regolamento sul biologico subisce una brusca frenata, ma anche il programma per introdurre un piano di educazione alimentare nelle scuole entra in una fase di stallo. Nel documento ufficiale della Commissione Europea sul programma di lavoro della Commissione Juncker per il 2015 le preoccupazioni del Movimento 5 Stelle non … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Agricoltura, Europa

Nuovo regolamento europeo sul biologico. Come reagirà il settore?

Il nuovo regolamento proposto dalla Commissione Europea indica limiti più stringenti per le coltivazioni biologiche. La questione è complessa, perché se da una parte è necessaria la presenza di criteri esigenti per distinguere il biologico dall’agricoltura convenzionale, dall’altra c’è chi dice che l’introduzione di paletti troppo rigidi possa frenare le pratiche Bio, in netta ascesa … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Il mio intervento sul nuovo regolamento europeo sul biologico

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Agricoltura, Europa, Video

Morire di fame

Quando si sente parlare di sovranità alimentare si fa riferimento al controllo politico necessario ad una comunità nell’ambito della produzione e del consumo degli alimenti. Gli abitanti del Friuli Venezia Giulia sono in grado di provvedere a sé stessi producendo il cibo di cui necessitano? La risposta è no. Ciò significa che se per qualche … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Categorie: Italia

[Montereale] Coordinamento a tutela della Biodiversità in FVG

INVITO A INCONTRO PER L’ADESIONE AL COORDINAMENTO A TUTELA DELLA BIODIVERSITA’ IN FRIULI VENEZIA GIULIA Da poche settimane si è costituito il Coordinamento per la Tutela della Biodiversità in Friuli Venezia Giulia. Esso è costituito da singoli cittadini, enti, associazioni, partiti che intendono aderire Il Coordinamento persegue la finalità di opporsi alla coltivazione di piante … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Italia, Territorio

uscire dalla crisi: paesaggio, storia, cultura.

Lavoro non ce n’è. Aumenta il numero di attività che chiudono. Si chiede alla Politica di intervenire per creare nuovi posti di lavoro e salvaguardare quelli esistenti. Si interviene con provvedimenti di urgenza, necessari, ma che rischiano di essere una soluzione tampone se considerati unicamente fini a se stessi. Il Friuli Venezia Giulia, come l’Italia, … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Categorie: Italia

1 6 7 8