pubblicato il

Mettiamo fine al dramma delle spose bambine: la proposta M5S approvata dal Parlamento Europeo


Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Ieri sono intervenuto in plenaria del Parlamento Europeo per denunciare la triste realtà delle spose bambine.

Ogni anno oltre 15 milioni di bambine nel mondo sono costrette a sposarsi forzatamente con uomini adulti, in piena violazione dei diritti umani, per ragioni spesso culturali o legate alla tradizione, oppure a causa dell’ignoranza o dell’analfabetismo, o dipendenti dalla situazione sociale di povertà.

Oggi, su iniziativa del MoVimento 5 Stelle, il Parlamento Europeo ha votato a favore della nostra risoluzione contro la pratica dei matrimoni precoci.

La questione non è soltanto urgente, si tratta di una vera e propria necessità. Per troppi anni i paesi cosiddetti “evoluti” hanno assistito a questo scempio senza fare nulla di concreto. Il fenomeno abbraccia tutto il mondo, in larga parte i paesi dove questi matrimoni avvengono, come Bangladesh, Pakistan, India e Sri Lanka, ma anche l’Europa stessa. E’ infatti eclatante che ogni anno diverse bambine che frequentano le scuole primarie europee, durante i periodi di vacanza rientrino nel paese d’origine dei loro genitori, per poi sparire nel nulla, nella maggior parte dei casi vendute in matrimoni combinati.

Ci tengo a ringraziare soprattutto i tanti volontari e le tante associazioni che sul nostro territorio si adoperano quotidianamente per contrastare questo fenomeno con i mezzi a loro disposizione, spesso troppo scarsi.

Ora sta al Parlamento Europeo dare un forte contributo, non solo assicurando che gli Stati Membri prevedano forti pene per chi direttamente o indirettamente si macchi di questo reato, ma anche chiedendo che questo tema sia tenuto in considerazione negli accordi di cooperazione tra Paesi, perché non è minimamente etico che si facciano affari con Paesi che non rispettano i diritti umani.

L’ 11 ottobre è la Giornata Mondiale delle bambine e delle ragazze, proclamata dall’Onu, e oggi un piccolo motivo in più per festeggiarla siamo riusciti a darlo. Prossima tappa: legge italiana contro la pratica dei matrimoni forzati con i minori.

Ogni bambina, ogni persona, ha il diritto sacrosanto di autorealizzarsi, vivere liberamente e di essere tutelata nel farlo.

#nessunodeverimanereindietro 

 

 


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Data Economy, l’economia dei dati digitali

Per il M5S è fondamentale la protezione delle informazioni che circolano in rete, ma soprattutto la fiducia che i consumatori ripongono nelle piattaforme online di ogni genere, da quelle di e-commerce, ai servizi di cloud computing. Questa famosa nuvola digitale rappresenta un vero e proprio silos di informazioni e può essere la base di partenza▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

A Udine il comizio finale del M5S per le Regionali 2018

A Udine il comizio finale del #M5S per le Regionali 2018! Domani, venerdì 27 aprile, vi aspettiamo per la chiusura della campagna elettorale per le Regionali 2018 all’Hotel Cristallo di Udine! Insieme ad Alessandro Fraleoni Morgera, il nostro candidato alla presidenza della Regione Fvg, ci saranno i parlamentari M5S Stefano Patuanelli, Alvise Maniero ed Emilio Carelli. Insieme▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Voto sulla PAC: Zullo all’Europarlamento

No a tagli indiscriminati, serve maggiore attenzione a chi contribuisce al bene comune con la propria attività     Conclusa con il voto dell’Assemblea la seduta Plenaria a Strasburgo sulla PAC: un voto che ancora non decide sull’applicazione della politica agricola ma delinea la posizione del Parlamento in merito alle priorità che dovranno essere al▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Aumentiamo i controlli sulle merci contraffatte

Ancora troppo spesso le pagine di cronaca dei giornali riportano notizie sui sequestri di merci contraffatte. Come è successo nei giorni scorsi al valico goriziano di Sant’Andrea, sul confine tra Friuli Venezia Giulia e Slovenia. I militari delle Fiamme Gialle hanno fermato un furgone proveniente dall’est europeo e, a seguito dei normali controlli, sono stati▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare