pubblicato il

Continuiamo, a testa alta, dritti per la nostra strada


Guardo questa foto e vedo una piazza gremita di cittadini, coinvolti ed “affamati”, desiderosi di partecipare attivamente alla vita politica, desiderosi di lasciare un segno nella Storia. E questo per me vale più di tutto. Molto più di un esito negativo. Oggi le prime pagine dei giornali sono dedicate al “fallimento” del Movimento 5 Stelle.▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Diritto all’informazione, fake news e censura


Giovedì 8 giugno è andato in scena un convegno che ha visto dei relatori di grande spessore e una grande partecipazione di pubblico molto attento alle tematiche affrontate; ci siamo interrogati e ci siamo confrontati su ciò che rappresenta in questo momento storico l’informazione.   In un’ epoca sempre più veloce in cui le notizie▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Facciamo il punto sull’informazione, sulle censure, sulle fake news


Era da diverso tempo che stavo ragionando sul destino dei media e dei new media, sul fatto che ormai ognuno è autore e allo stesso tempo editore di se stesso, sulla superficialità con la quale alle volte si divulgano notizie non vere o non verificate. E poi c’è la censura, noi del Movimento 5 Stelle▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Il futuro dell’informazione: tra libertá d’espressione e fake news


Giovedí 8 giugno ho organizzato in Parlamento europeo un convegno sui media e il loro utilizzo, tra censure e manipolazioni. Interverranno relatori di eccezione come Guido Scorza, avvocato e docente di diritto delle nuove tecnologie, la giornalista di inchiesta Petra Reski, Bruno Zambardino direttore dell’osservatorio sui media, l’amministratore delegato dell’EMMA, The European Magazine Media Association,▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Al PD un altro Dieselgate sta bene. A noi no!


Nessun gioco al ribasso: servono misure più stringenti per evitare conflitti di interesse. Vogliamo l’inasprimento delle sanzioni e controlli effettuati non solo in uno Stato. Se è vero che da un lato l’accordo tra Stati membri prevede il monitoraggio dell’omologazione dei veicoli a livello dell’UE, dall’altro lato mina il senso della riforma stessa. Fondamentale è▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

1 28 29 30 31 32 76