Basta balle, vogliamo un’agricoltura diversa!

pubblicato il
Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare

In Commissione Agricoltura abbiamo incontrato degli “esperti” nel campo dell’agricoltura, i quali ci hanno raccontato la solita bella storiella: ci hanno presentato la cosiddetta agricoltura conservativa, una tipologia di agricoltura che utilizza diverse tecniche agricole tendenti a conservare, apparentemente, la fertilità del suolo coltivato. Ma attenzione a non farvi imbrogliare: nonostante il termine sembri positivo e sembri supportare un’agricoltura attenta e rispettosa dell’ambiente, richiamando concetti simili a quelli dell’agricoltura sinergica come ad esempio la “pacciamatura biologica” (la pacciamatura consiste nel coprire superficialmente il terreno con materiali biologici collocati tra le piante), nasconde alcune inquietanti problematiche.

Infatti, ironia della sorte, nell’agricoltura conservativa il terreno da pacciamare viene “ripulito” dalle erbacce attraverso un massiccio uso di pesticidi vari e di glifosato. Sì, avete ben capito, il glifosato tra le presunte tecniche per conservare la fertilità del terreno.

Noi di questi lavaggi del cervello non ne possiamo più, siamo stufi di queste strategie di greenwashing che vogliono venderci il glifosato e i pesticidi come una cosa buona e sostenibile.
Un approccio sostenibile all’agricoltura non può inquinare l’ambiente.

Sentiamo troppo spesso parlare di un’agricoltura più sostenibile, di un’agricoltura più sana, di un’agricoltura più rispettosa dell’ambiente, per poi non essere mai abbastanza. Io mi voglio spingere un po’ oltre: è ora di avere il coraggio di togliere quel “più”. Noi abbiamo bisogno oggi, subito, di un’agricoltura SOSTENIBILE e basta, che preservi l’ambiente, senza se e senza ma, e soprattutto senza pesticidi!

Ti potrebbe interessare anche


Chiedi all’UE un’agricoltura più sana: partecipa alla consultazione online

In questi giorni si sta decidendo il futuro della Politica Agricola Comune (PAC), una delle politiche più importanti, influenti e dibattute dell’UE. Oggi, però, abbiamo la possibilità di esprimere la nostra opinione a riguardo: la Commissione europea ha avviato una consultazione pubblica (online) sul futuro della PAC, che terminerà il 2 maggio 2017. Attraverso la … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Oettinger fedelissimo della Merkel fa gli interessi del governo tedesco

E’ inammissibile che la Commissione UE preveda tagli ai fondi di coesione e all’agricoltura nel momento in cui  mancheranno 10-11 miliardi ogni anno al bilancio Ue. Se è vero che, come affermato dal commissario Ue al bilancio Guenther Oettinger  “non possiamo far finta che niente sia cambiato con la Brexit” al contempo non è possibile … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


AAA cercasi distributore innovativo!

Anche i distributori di alimenti possono accedere al bando del programma Frutta e Verdura nelle Scuole! Il bando è suddiviso diviso in lotti regionali o macro-regionali in cui si specifica la tipologia di prodotti e la quantità di distribuzioni che devono essere garantite. E’ una buona occasione che al di là dell’aspetto economico che ovviamente … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Economia collaborativa: facciamo chiarezza!

Apriamo i giornali, accendiamo la televisione, e ci rendiamo conto che l’economia collaborativa, insieme alla globalizzazione, è diventata la tematica principale per quanto riguarda l’evoluzione del mercato del lavoro europeo. Spesso però, lo è diventata in modo problematico, quasi polemico direi, come fonte di preoccupazione e acceso dibattito. Io però credo che in questa sede … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare