Cittadini 1 – Multinazionali 0!

pubblicato il
Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Oggi è un giorno importante per la democrazia e la libertà in tutta Europa.

La Corte di Giustizia Europea ha annullato la decisione della Commissione europea di rifiutarsi di considerare l’ICE “Stop TTIP e CETA“, ovvero l’iniziativa dei cittadini europei con cui milioni di cittadini europei si sono schierati contro questi raccapriccianti trattati commerciali.

È un’ottima notizia che mette una volta per tutte la Commissione europea con le spalle al muro, decretando che questa non può più far a meno di vedere e sentire le richieste dei cittadini. La Commissione aveva vigliaccamente liquidato la petizione di milioni di cittadini, adducendo come pretesto un’interpretazione dei trattati secondo la quale questo tipo di iniziativa popolare non poteva avere ad oggetto l’atto con cui si era dato inizio ai negoziati.

La Corte invece ribatte che i cittadini devono essere sempre ascoltati quando si modificano parti fondamentali dell’assetto istituzionale dell’UE.

Il principio della democrazia, che è uno dei valori fondamentali dell’UE, non può essere negato!

Ora la Corte obbliga la Commissione a prendere in considerazione la voce dei cittadini tramite l’ICE.

Fine dei giochetti: la Commissione non può più trincerarsi dietro cavilli e pretesti giuridici. Le richieste dei cittadini vanno ascoltate!

La battaglia non è finita ma noi saremo qua, ancora una volta, a farci portavoce della volontà dei cittadini!

Da sempre il MoVimento si batte per questo, avanti con la democrazia diretta, basta soprusi e interessi finanziari a scapito della salute dei cittadini!

Ti potrebbe interessare anche


Canapa e innovazione per una nuova idea di agricoltura in Europa

Viviamo in un contesto storico in cui anche nel fare agricoltura bisogna cambiare prospettiva: l’agricoltore non può più essere solo colui che coltiva, dev’essere un imprenditore in grado di occuparsi di tutta la filiera, fino alla distribuzione del prodotto sul mercato, e le Istituzioni devono essere in grado di fornirgli gli strumenti necessari per intraprendere … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Sessant’anni di Europa: c’è poco da festeggiare

E’ molto difficile dare un giudizio complessivo su questi 60 anni di Europa, perché davanti non abbiamo la stessa Europa di prima. Le idee e i valori trasmessi dai nostri padri fondatori, cioè i principi di comunità, cooperazione e solidarietà tra Stati, sono nobili e sono gli stessi principi del progetto M5S. Ma oggi quei … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Car sharing a Udine e Tavagnacco: soldi pubblici spesi senza programmazione

Era stato “venduto” come il progetto innovativo per la tutela dell’ambiente e come avveniristica forma di mobilità: il car sharing, che prevede l’utilizzo delle auto elettriche a disposizione della cittadinanza per i propri spostamenti a Udine e Tavagnacco, oggi non si sa se sarà economicamente sostenibile. Tanto che Tavagnacco intende spingere questa forma di mobilità … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Furto del Ribolla: porterò il caso in Parlamento Europeo se necessario

E’ fondamentale preservare il luogo di coltivazione del vigneto in Friuli. La Ribolla è nostra, se piantata altrove mina la nostra eccellenza. Innanzitutto va fatta una precisazione: quando si parla di Ribolla, si parla di una tipologia di vitigno, non di un prodotto tutelato, dunque bisogna evitare il parallelismo con il furto del Tocai. Paragoni … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Agricoltura, Territorio