Come volevasi dimostrare, l’UE deferisce l’Italia per la benzina in FVG

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

La Commissione Ue ha deciso di deferire l’Italia alla Corte europea per la mancata applicazione dell’aliquota di accisa nazionale a benzina e diesel acquistati dagli automobilisti residenti in Friuli Venezia Giulia.

benza

Il caso sulla liceità dell’erogazione della benzina a tariffe agevolate per i residenti del Friuli Venezia Giulia si trascina ormai da anni e sta volgendo al suo naturale epilogo. Più di un anno fa ho fatto notare che prima o poi questo giorno sarebbe arrivato.

La procedura d’infrazione era una cosa nota a tutti, ma in tutto questo tempo la Regione non ha fatto nulla per trovare un rimedio. I principi sui cui avrebbe dovuto fortemente investire sono due: uno è mettere fine agli aiuti indiscriminati, che devono riguardare solo le fasce più deboli della popolazione residente; l’altro è un forte e significativo investimento sulla mobilità sostenibile.

Il sistema di contribuzione del Fvg va rivisto, perché allo stato attuale non fa che penalizzare le aree davvero più sensibili alla concorrenza slovena e austriaca. Per questo, ritengo sia giusto un riequilibrio, che scoraggi il fenomeno del pendolarismo del pieno, dando gli strumenti ai gestori degli impianti stradali della fascia orientale della regione di competere ad armi pari con i concorrenti sloveni. Il tutto, fermo restando che queste misure devono essere transitorie, fino al raggiungimento di un vero mercato unico, senza dimenticare che andrebbero promossi incentivi alla mobilità sostenibile, che consentano una organica rimodulazione del contributo per l’acquisto dei carburanti.

Ti potrebbe interessare anche


Uova contaminate, Andriukaitis punisce chi gli fa comodo

Ho letto le dichiarazioni del commissario UE alla salute Andriukaitis, che trovo decisamente fuori luogo. Ecco infatti che il caso “#Fipronil” si arricchisce di un ulteriore preoccupante tassello. A suo avviso le sanzioni non devono essere applicate ai Paesi responsabili della grave frode alimentare che ha coinvolto tutta Europa, cioè Belgio ed Olanda, che continuano … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Mozziconi in spiaggia: un esempio virtuoso e uno no

Non sono ancora mai passato per Pulsano, un paese salentino della provincia di Taranto che si affaccia sullo Ionio, ma dopo quello che ho letto mi piacerebbe proprio andarci. Qui un’associazione locale di cittadini stanca di assistere al degrado sulla propria spiaggia si è inventata un’idea semplice ed efficace. I mozziconi di sigaretta che “arredano” … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


I magredi sono un patrimonio naturalistico comune e vanno tutelati

Non so quanti di voi conoscano la zona dei Magredi, un’incredibile spianata tra due fiumi, il Meduna e il Cellina, quest’ultimo un enorme corso d’acqua che una volta scorreva in superficie, ora non più, e che ci ha lasciato traccia del suo passaggio con questo incredibile scenario. I Magredi sono una prateria ghiaiosa, una steppa … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Frutta e verdura nelle scuole elementari: pochi giorni alla chiusura delle adesioni

Come vi ho già detto in precedenza, il programma “frutta e verdura nelle scuole” che grazie al progetto europeo che lo sostiene, permettere ai bambini delle scuole elementari di mangiare la frutta e la verdura all’interno di un ampio programma educativo, chiuderà le adesioni il 31 luglio. Il progetto non riguarda solo i bambini ma … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare