Crisi Legno-arredo, costo manodopera problema da risolvere

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

3, maggio 2014

«Il costo della manodopera costituisce uno degli ostacoli per il rilancio del settore del legno-arredo». Lo ha detto il candidato del M5S Fvg al Parlamento Europeo, Marco Zullo, intervenendo stamani a un incontro organizzato dal Movimento 5 Stelle a Prata di Pordenone. «La soluzione non è costituita dall’abbassamento dei salari, che rischierebbe anzi di abbassare la soglia di competenza delle maestranze – specifica Zullo – quanto piuttosto individuare gli strumenti che consentano ai titolari delle imprese di diminuire il costo del lavoro».

legnoarredo

Secondo l’esponente del Movimento 5 Stelle, gli strumenti non mancano: «Ci siamo espressi a favore del Fondo di Garanzia per i giovani (Youth Guarantee), che consentirà all’Italia di beneficiare di 1,513 miliardi di finanziamento per garantire ai giovani fino ai 25 anni di ricevere una proposta di lavoro a distanza di quattro mesi di distanza dalla fine del percorso di studi o dall’ottenimento della disoccupazione – spiega Zullo -. Sicuramente questo strumento potrà essere utilizzato dalle aziende del legno-arredo friulane, che hanno visto prolungato di un ulteriore anno lo stato di crisi».

L’Unione europea mette poi a disposizione delle pmi ulteriori strumenti: «A giugno partiranno i bandi per il programma Horizon 2020 dedicati alla ricerca e all’innovazione nelle piccole e medie imprese – ricorda il candidato del M5S Fvg -. In regione esistono aziende capaci di sviluppare idee innovative: un’azienda di Manzano si è specializzata nella vendita delle sedute su misura on line e con soli 8 euro, recapita direttamente a casa del cliente il prodotto. Sono questi gli esempi che vanno assunti a modello», conclude Zullo.

Temi:
Categorie: Italia, Made In, Territorio

Ti potrebbe interessare anche


Non è tutto FICO quello che luccica, anche se è da Oscar

So che non dovrei farlo, non dovrei parlare di questo progetto perché più se ne parla e più gli diamo spazio, ma come si fa a non parlarne? Un progetto come questo è sbagliato sotto molti, troppi punti di vista, e dà una rappresentazione fuorviante di ciò che è la cultura agro-alimentare italiana, la decontestualizza, … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Fondi strutturali di coesione: no ai tagli indiscriminati, sì ai risparmi mirati e meno burocrazia

La Commissione europea sta prefigurando uno scenario davvero drastico in merito ai tagli dei fondi di coesione. Dal mio punto di vista quella della Brexit è ormai una scusa, perché sono previsti tagli davvero elevati a fronte dei reali costi della Brexit. Lo stesso approccio viene mantenuto anche per ciò che riguarda i tagli dei fondi … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Nell’agroalimentare premiamo la qualità: i nostri agricoltori devono tornare a fare reddito

Ieri ho incontrato i rappresentanti di Confagricoltura Rovigo in Parlamento europeo per ascoltare quali difficoltà affrontano i nostri agricoltori. Spesso infatti, dietro a dei prodotti italiani di altissima qualità ci sono degli agricoltori che fanno fatica a fare reddito a causa di normative europee che di fatto penalizzano la qualità dei controlli svolti in Italia. Di conseguenza … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


In Italia mai più stazioni precluse ai diversamente abili come a Cormons

L’Italia ha ancora tanta strada da fare per quanto riguarda la disabilità: è notizia di ieri che la stazione ferroviaria di Cormons non è accessibile alle persone disabili a causa della totale assenza di strutture che possano portare chi è su una sedia a rotelle dall’entrata ai binari attraverso il sottopassaggio e viceversa. Il montascale … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare