Direttiva servizi: sovranità a rischio, l’UE scavalca gli Stati

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Oggi in Commissione Mercato Interno (IMCO) è stato votato un argomento molto spinoso riguardante la Direttiva Servizi, ovvero la revisione della procedura di “notificazione” da parte degli Stati membri e delle loro amministrazioni locali delle disposizioni legislative e regolamentari che adottano.

Nei cambiamenti che la Commissione Mercato Interno ha introdotto rispetto alla proposta iniziale della Commissione europea, si prevede che quest’ultima possa bloccare per almeno tre mesi uno Stato membro, come l‘Italia, dall’approvare un provvedimento fintanto che la Commissione europea stessa non gli dia il proprio benestare.

Per noi questo è inaccettabile, perché sovverte il principio di sovranità nazionale, dove lo Stato membro deve essere libero di approvare le proprie leggi! Quello che la Commissione europea potrebbe fare è avanzare delle osservazioni per segnalare allo Stato membro le eventuali incongruenze con l’ordinamento dell’Unione europea, fino ad arrivare eventualmente, in ultima istanza, alla Corte di giustizia europea per avviare un’infrazione.
Invece, attraverso questa direttiva, l’UE entra nel merito della capacità di legiferare dei singoli Stati membri. Questa è un’intromissione inammissibile in ciò che riguarda la sovranità, e dunque la libertà, dei singoli Stati membri.

Non sta alla Commissione europea stabilire se una legge nazionale è giusta o sbagliata, non sta alla Commissione europea sostituirsi di fatto alla Corte di giustizia europea.

Noi del MoVimento 5 Stelle avevamo presentato degli emendamenti per migliorare la proposta della Commissione ma che non sono stati accolti dagli altri partiti. Pertanto noi abbiamo votato contro questo progetto di direttiva.

E ci stupisce invece che PD e Forza Italia, che in Parlamento europeo fanno parte rispettivamente del gruppo dei Socialisti&Democratici e del gruppo dei Popolari, hanno votato a favore di questo progetto di direttiva. Infatti mentre in Italia fingono di essere contrari alla Direttiva Servizi, a Bruxelles la rafforzano attraverso una procedura di notifica gravosa soprattutto per gli enti locali.

#DirettivaServizi

Ti potrebbe interessare anche


Uova al Fipronil, la frittata è fatta

Lo scandalo delle uova al Fipronil si sta allargando a macchia d’olio. È gravissimo che si sua iniziato ad agire solo dopo vari mesi dalle prime segnalazioni, permettendo ai prodotti contaminati di attraversare più di mezza Europa. Questo atteggiamento incerto e fragile da parte dell’Unione Europea è sintomo che ancora molto è da fare per … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Mettiamo uno Stop definitivo all’era dell’usa e getta

eri sera sono intervenuto in Commissione IMCO su un tema che mi sta particolarmente a cuore, cioè sulla durabilità dei prodotti di largo consumo. In parole povere, sul fatto che da decenni ormai siamo incastrati in un meccanismo di “usa e getta” che oltre ad essere tutt’altro che etico non è più sostenibile. E’ un dato … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


In Senato il CETA non deve passare!

Fermiamo l’accordo che i partiti hanno approvato tradendo i cittadini. L’ho detto più volte e continuo a ribadirlo: il CETA distrugge le piccole e medie imprese italiane a favore delle grandi multinazionali e mette a rischio il sistema di garanzie che tutelano consumatori e agricoltori. Il CETA non porterà nessun beneficio alla nostra crescita economica, … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Rinviata la ratifica sul CETA: possiamo farcela!

Grazie alla massiccia mobilitazione sul web da parte dei cittadini, il voto di ratifica sul CETA previsto per ieri al Senato non si è tenuto ed è stato rinviato a martedì 27 giugno! Per me questa è un’altra vittoria da parte della mobilitazione pubblica, la dimostrazione che la partecipazione del cittadino è essenziale: possiamo realmente … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare