GPL di Chioggia: abbiamo portato il caso in Parlamento Europeo

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare
Il caso del deposito Gpl di Chioggia è arrivato in Parlamento europeo: nell’ interrogazione che abbiamo da poco depositato, abbiamo fatto presente come l ‘iter decisionale del Governo italiano che ha portato alla sua autorizzazione, presenta numerose criticità.
Esso sembra innanzitutto non aver tenuto conto delle peculiarità del territorio: dal 1987 l’intero bacino della laguna veneta è stato dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, e a poche miglia al largo del sito si trova una “zona di tutela biologica riconosciuta” dal 2002.In aggiunta a ciò, in violazione a quanto disposto dal decreto legislativo 152/2006, non è stata disposta la necessaria valutazione di impatto ambientale. Non sono inoltre state acquisite l’autorizzazione del Codice della Navigazione, la concessione demaniale marittima per l’uso della banchina e il parere della commissione per la salvaguardia di Venezia e della Laguna, così come prescritto dalla Legge Speciale per Venezia.

Abbiamo sottolineato poi come la decisione sembra essere stata presa in violazione di numerose norme vigenti sulla sicurezza e sulla valutazione del rischio: questo deposito, con i suoi giganteschi «bomboloni» di gas a poche centinaia di metri dal centro di Chioggia, oltre che dannoso per lo sviluppo del porto stesso, è di fatto ritenuto pericoloso.Abbiamo chiesto dunque alla Commissione europea di esprimersi in merito alla compatibilità di questo iter con il rispetto dei principi di prevenzione e precauzione e se, al contempo, ritenga opportuno disporre l’acquisizione di maggiori dati per verificare la compatibilità.

Il M5S non mollerà e continuerà a far di tutto affinché sia immediatamente ritirata l’autorizzazione e i lavori di costruzione siano sospesi subito.

Ti potrebbe interessare anche


“Salviamo l’Isonzo”: la petizione è ammissibile!

La petizione, sostenuta da oltre 1600 firme, che mi era  stata consegnata al Parco di Piuma-Isonzo, è stata dichiarata ammissibile da parte della Commissione Peti (Petizioni) ed è stata inviata all’attenzione della Commissione Europea che ha 2 mesi di tempo per prenderla in esame e rispondere nel merito. Ho sposato fin da subito questa causa … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Disabilità e accessibilità nei musei: il mio intervento a Telequattro

Venerdì scorso ho scorso partecipato ad un evento a Trieste, promosso dalla Consulta Regionale delle Associazioni di Persone Disabili e delle loro Famiglie del FVG-ONLUS, in occasione della presentazione del progetto europeo COME-IN (Cooperazione per una piena accessibilità ai musei-verso una maggiore inclusione). Il progetto COME-IN è finanziato dal Programma Interreg Central Europe e ha … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Rinviata la ratifica sul CETA: possiamo farcela!

Grazie alla massiccia mobilitazione sul web da parte dei cittadini, il voto di ratifica sul CETA previsto per ieri al Senato non si è tenuto ed è stato rinviato a martedì 27 giugno! Per me questa è un’altra vittoria da parte della mobilitazione pubblica, la dimostrazione che la partecipazione del cittadino è essenziale: possiamo realmente … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Plant Pure Nation a Pordenone!

Sabato 1° luglio arriverà a Pordenone la seconda tappa del tour italiano di Plant Pure Nation! Plant Pure Nation è il film documentario del dottor T. Colin Campbell e del produttore di Forks Over Knives che ha profondamente scosso l’opinione pubblica americana. Perchè? Il film inchiesta, oggi in esclusiva per l’Italia, svela i differenti “giochi … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare