La Corte Europea dei diritti umani punisce Petra Reski e l’Europa che combatte le mafie

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Ho conosciuto di persona Petra abbastanza recentemente anche se la sua fama di giornalista d’inchiesta e scrittrice mi aveva raggiunto ben prima. E’ una donna profonda, caparbia e che non si piega, nemmeno contro ciò su cui sta indagando da anni: la mafia.

E’ proprio quest’ultima, la mafia, l’oggetto delle sue inchieste che da anni porta avanti, che le sta provocando alcuni problemi, non di poco conto. Nel 2008 Petra uscì in Germania col libro “Santa Mafia” e pubblicato in Italia nel 2009, con tanto di minaccia di querela da parte di Marcello Dell’Utri (sì proprio quello che ora è in prigione per reati mafiosi) ma censurato alla fonte in Germania. Cosa vuol dire questo? Che per distribuirlo lì il libro è stato stampato in versione censurata ovvero con linee nere ben tracciate nelle pagine. Perchè questo è avvenuto?

Perché i tedeschi si sentono immuni dalle mafie, in particolare dalla ‘ndrangheta, anche se ormai ci sono dentro anche loro, e ancor più perché la legislazione tedesca non contempla il reato di “associazione mafiosa”. Quindi in sostanza la Germania dal punto di vista dei criminali italiani può essere considerata come un El Dorado in cui fare affari, ripulire soldi con attività di vario genere, sapendo che per il legislatore tedesco la mafia non esiste.

Ieri la vicenda del libro di Petra ha avuto un triste epilogo, ovvero la Corte Europea per i diritti dell’uomo ha rigettato la sua più che legittima istanza contro il Governo Federale tedesco, in cui richiedeva di togliere la censura al suo libro e di eliminare la richiesta risarcitoria della controparte pari a 10.000 euro. Chi è la “controparte”? Ovviamente il personaggio individuato da Petra nel suo libro come mafioso.

Oltre a ciò Petra ha altre cause in corso in Germania intentate da personaggi che lei ha identificato nelle sue inchieste come in odore di mafia.
Petra è una donna forte che non si piega alla mafia, ma per esserlo ancor più non si deve lasciare e sentire sola.

Link alla sentenza: https://hudoc.echr.coe.int/eng#{

Temi:
Categorie: Europa, Italia

Ti potrebbe interessare anche


In piazza contro il CETA!

Il giorno è arrivato: domani, martedì 27 giugno, il Senato deciderà se ratificare o meno il CETA. Se questo trattato suicida per l’Italia e per l’Europa venisse effettivamente ratificato sarebbe l’ennesimo regalo alle solite grandi multinazionali dell’agroalimentare e metterebbe ancora più in difficoltà le nostre piccole e medie imprese. Arriveranno sui nostri scaffali prodotti che … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Malles 3 – Pesticidi 1. Il TAR dà ragione ai cittadini

Malles è stata una delle mie prime mete che ho visitato da quando ho iniziato a lavorare qui in Parlamento europeo. E’ un paese delizioso in Val Venosta il cui territorio vive principalmente di agricoltura. Un paese inserito in una vallata splendida, apparentemente intonsa, ma in realtà problematica proprio dal punto di vista della salute … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Mettiamo fine al dramma delle spose bambine: la proposta M5S approvata dal Parlamento Europeo

Ieri sono intervenuto in plenaria del Parlamento Europeo per denunciare la triste realtà delle spose bambine. Ogni anno oltre 15 milioni di bambine nel mondo sono costrette a sposarsi forzatamente con uomini adulti, in piena violazione dei diritti umani, per ragioni spesso culturali o legate alla tradizione, oppure a causa dell’ignoranza o dell’analfabetismo, o dipendenti … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Incontro Nazionale alla Camera dei Deputati degli Sportelli SOS AntiEquitalia del MoVimento 5 Stelle!

Tutti gli Sportelli di Soccorso SOS Antiequitalia del MoVimento 5 Stelle si sono riuniti venerdì 21 luglio 2017 presso la Sala Tatarella nel Palazzo della Camera dei Deputati a Roma. Il Deputato del MoVimento 5 Stelle Carlo Sibilia coordinatore dei Punti di Ascolto e promotore della riunione nazionale, ha introdotto i lavori ricordando i capisaldi alla base … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare