I magredi sono un patrimonio naturalistico comune e vanno tutelati

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Non so quanti di voi conoscano la zona dei Magredi, un’incredibile spianata tra due fiumi, il Meduna e il Cellina, quest’ultimo un enorme corso d’acqua che una volta scorreva in superficie, ora non più, e che ci ha lasciato traccia del suo passaggio con questo incredibile scenario.

I Magredi sono una prateria ghiaiosa, una steppa dove proliferano piante autoctone, orchidee selvatiche, arbusti unici che una suggestiva ipotesi vuole importati involontariamente attorno l’anno mille, con l’invasione degli Ungari attraverso i semi attaccati agli zoccoli dei loro cavalli.
Questa zona è in buona parte compresa in un Z.S.C., zona speciale di conservazione (in sostanza, zona protetta dall’Unione europea). L’obiettivo di queste zone è quello di contribuire in modo significativo a mantenere o ripristinare flora e fauna tipiche di quello specifico territorio, o di mantenere in uno stato di conservazione soddisfacente lo status quo, e infine di preservare la biodiversità locale.


La collega portavoce regionale Ilaria Dal Zovo conferma che la Regione Friuli Venezia Giulia ha addirittura emanato una norma a protezione di quella fetta di territorio, la n.17/2006, art. 22, per fissare delle tutele specifiche sull’area, in modo da salvaguardarla ancora di più dalle attività umane. Ebbene proprio in questi territori che vi ho appena descritto, da decenni si fanno esercitazioni militari e si corrono rally; attività queste tutt’altro che rispettose dell’ecosistema ambientale e di chi abita nei dintorni.
Se la Regione Friuli Venezia Giulia non smetterà di dare continue deroghe alla normativa vigente, rischiamo, oltre al danno la beffa, ovvero di vederci recapitare un’altra procedura d’infrazione. Dobbiamo ancora una volta aspettare che sia la Commissione europea e non i nostri amministratori locali a pretendere il rispetto dei nostri territori?

Ti potrebbe interessare anche


Mozziconi in spiaggia: un esempio virtuoso e uno no

Non sono ancora mai passato per Pulsano, un paese salentino della provincia di Taranto che si affaccia sullo Ionio, ma dopo quello che ho letto mi piacerebbe proprio andarci. Qui un’associazione locale di cittadini stanca di assistere al degrado sulla propria spiaggia si è inventata un’idea semplice ed efficace. I mozziconi di sigaretta che “arredano” … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Legge sul Biotestamento: le amministrazioni locali possono fare la loro parte

La proposta di legge sul biotestamento, che è ferma al Senato e ad un passo dall’essere approvata, deve essere calendarizzata quanto prima. Bisogna fare presto, mancano pochi mesi alla fine della legislatura. Perciò mi rivolgo a tutti voi, consiglieri comunali: raccogliamo con forza e con cuore l’appello di Mina Welby per l’approvazione definitiva sul biotestamento. … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Italia

Mediocredito: Serracchiani, non stiamo scherzando

Apprendo oggi dagli organi di stampa che la Guardia di Finanza su indicazioni della Procura della Repubblica di Udine sta procedendo a sequestrare fascicoli e potenziali prove dalla sede di Mediocredito FVG. Alcuni mesi fa, dopo una serie di lunghe e approfondite indagini, ho capito che gli elementi per denunciare azioni di rilevanza penale nei … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Corruzione: chi sbaglia paga

Patti chiari e amicizia lunga! Regole ferree e chi sgarra paga senza sconti. Il tema della corruzione è all’ordine del giorno in Italia, ma ormai siamo talmente assuefatti che le notizie che ogni giorno appaiono su qualche giornale o in Tv o in Rete e che riguardano mazzette, corruzione e concussione, non creano stupore. Dobbiamo … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Categorie: Italia, Video