I magredi sono un patrimonio naturalistico comune e vanno tutelati

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Non so quanti di voi conoscano la zona dei Magredi, un’incredibile spianata tra due fiumi, il Meduna e il Cellina, quest’ultimo un enorme corso d’acqua che una volta scorreva in superficie, ora non più, e che ci ha lasciato traccia del suo passaggio con questo incredibile scenario.

I Magredi sono una prateria ghiaiosa, una steppa dove proliferano piante autoctone, orchidee selvatiche, arbusti unici che una suggestiva ipotesi vuole importati involontariamente attorno l’anno mille, con l’invasione degli Ungari attraverso i semi attaccati agli zoccoli dei loro cavalli.
Questa zona è in buona parte compresa in un Z.S.C., zona speciale di conservazione (in sostanza, zona protetta dall’Unione europea). L’obiettivo di queste zone è quello di contribuire in modo significativo a mantenere o ripristinare flora e fauna tipiche di quello specifico territorio, o di mantenere in uno stato di conservazione soddisfacente lo status quo, e infine di preservare la biodiversità locale.


La collega portavoce regionale Ilaria Dal Zovo conferma che la Regione Friuli Venezia Giulia ha addirittura emanato una norma a protezione di quella fetta di territorio, la n.17/2006, art. 22, per fissare delle tutele specifiche sull’area, in modo da salvaguardarla ancora di più dalle attività umane. Ebbene proprio in questi territori che vi ho appena descritto, da decenni si fanno esercitazioni militari e si corrono rally; attività queste tutt’altro che rispettose dell’ecosistema ambientale e di chi abita nei dintorni.
Se la Regione Friuli Venezia Giulia non smetterà di dare continue deroghe alla normativa vigente, rischiamo, oltre al danno la beffa, ovvero di vederci recapitare un’altra procedura d’infrazione. Dobbiamo ancora una volta aspettare che sia la Commissione europea e non i nostri amministratori locali a pretendere il rispetto dei nostri territori?

Ti potrebbe interessare anche


Sostieni l’ambiente e la tua salute: diciamo addio al glifosato!

Il glifosato contamina il suolo, l’aria, l’acqua e il cibo che arriva sulle nostre tavole. Distrugge gli ecosistemi, gli habitat naturali e riduce drasticamente la biodiversità. Per un ambiente protetto e un’alimentazione sana, senza rischi per la nostra salute, usciti all’Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE): chiedi alla Commissione Europea di proporre agli Stati membri di … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Vuoto a rendere: ecco la mozione m5s per ottenere incentivi economici

Sono orgoglioso di segnalare, a tutti i portavoce M5S in consiglio comunale, la meritevole proposta del mio collega Stefano Vignaroli in merito al vuoto a rendere. L’emendamento M5S, approvato alle Camera, è stato esteso anche agli imballaggi in plastica e altre tipologie di liquidi. Il sistema del vuoto a rendere prevede in via sperimentale, per la durata … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


EMBÈ ? NESSUNO È PERFETTO!

    Il Ministro degli Esteri Alfano non conosce l’inglese , che sarebbe utile per un ministro degli esteri. Il Ministro delle Finanze Padoan sbaglia i conti di 10 miliardi di euro e, senza vergogna, chiede conseguente sconto alla UE. Il Ministro del Lavoro Poletti dichiara che per trovar lavoro, i giovani non devono mandare … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

Temi:
Categorie: Italia

Sentenza OGM – Fidenato: la Corte di Giustizia Europea del principio di precauzione se ne lava le mani

Faccio un breve commento a seguito di questa sentenza della Corte di Giustizia Europea. In prima battuta ritengo che dal punto di vista pratico sia irrilevante. E’ irrilevante perché si riferisce a una situazione precedente al 2015, quando la nuova direttiva europea ha dato la possibilità agli Stati membri, tra cui l’Italia, di decidere di … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare