Maniago, caso polli alla diossina: non si fa campagna elettorale con la salute dei cittadini

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

L’atteggiamento di Fabiano Filippin è davvero imbarazzante: egli afferma, ripreso dagli organi di informazione, che la vicenda dei polli alla diossina non ha suscitato grande interesse negli eurodeputati.

A Filippin rispondo che, come ben sa, ho portato in più riprese questo caso in Parlamento europeo: trovo dunque davvero inopportuno che il consigliere strumentalizzi questo caso a pochi giorni dal voto. Non ne possiamo più di inutili passerelle pre-elettorali.

Filippin, in cerca solo di visibilità, mente sapendo di mentire: i risultati, noi del M5S su questa vicenda, ce li siamo portati a casa e quello che lui chiama disinteresse è invece sinonimo di competenza. Le azioni solitarie di Filippin non portano a niente: questa deve essere una battaglia comune e trasversale per il bene del territorio. Per chi ha la memoria corta ricordo che ho di fatto presentato un’interrogazione in UE in cui chiedevo un parere alla Commissione per capire la natura degli errori dei metodi di campionamento e di analisi per il controllo dei livelli di diossine.

In seguito la Commissione europea mi ha inviato il documento che faceva chiarezza su chi le avesse comunicato i dati che minimizzavano la grave situazione di diffuso inquinamento ambientale non permettendole di prendere in considerazione i due polli che risultavano contaminati dalla diossina. La comunicazione ufficiale è stata fornita dal Ministero della Salute italiana che ha risposto alla Commissione europea proprio in merito alla mia prima interrogazione del 16 febbraio 2016; il Ministero si è basato sui documenti ricevuti dalla Regione Friuli Venezia Giulia: dunque le responsabilità della grave minimizzazione del caso vanno cercate sul territorio e non in UE come invece farebbe piacere a Filippin.

Continuerò ancora a seguire questa vicenda e a rendermi disponibile per ulteriori azioni da portare avanti in Parlamento europeo. Non tollero però nessuna forma di strumentalizzazione: servirsi della salute dei cittadini, a puri fini politici, non è ammissibile!

Ti potrebbe interessare anche


PAC: no ai tagli in agricoltura annunciati da Oettinger. Si punti ad una politica di risparmio

Il commissario Oettinger poco tempo fa ha annunciato tagli per 10 miliardi al bilancio per l’agricoltura, mettendo in grave difficoltà Paesi come l’Italia. Pur comprendendo la necessità di rivedere le dotazioni sono convinto che la soluzione migliore non siano i tagli, ma i risparmi: non sforbiciate lineari qui e là, ma un’analisi attenta di come … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Incontro con il Segretario Generale delle Nazioni Unite: la mancanza di parità di genere è influenzata da logiche di potere radicate

Ieri sera ho partecipato ad un incontro con António Guterres, Segretario Generale delle Nazioni Unite. Nel dibattere sul tema della parità di genere Guterres ha sottolineato come come questo obiettivo sia fortemente influenzato da logiche di potere radicate. Ciò lo si vede dal fatto che le norme che forzano in direzione della parità di genere … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Watly e i Vivai Cooperativi di Rauscedo: due eccellenze italiane in Friuli Venezia Giulia

Il 4 marzo rappresenterà una data epocale: verranno decise le sorti del nostro paese. Luigi Di Maio, il nostro candidato premier, si sta spendendo al massimo mettendoci cuore, anima e corpo: nel suo Rally tour, arrivato fino alla nostra regione, sta incontrando moltissime realtà produttive italiane. In Friuli Venezia Giulia, tra le tante aziende visitate … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Bayer e Monsanto: fusione letale

Come da copione di un film già scritto, la Commissione europea si è piegata senza troppi ripensamenti ai voleri delle multinazionali ed ha avallato la fusione tra Monsanto e Bayer, un colosso che da solo si stima occuperà quasi il 30% del mercato delle sementi e dei fitofarmaci. Una posizione dominante che evidentemente non preoccupa … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare