Multinazionali europee: le mani sulle nostre municipalizzate

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Ecco uno stupefacente stralcio del testo tratto dalla presentazione del Movimento 5 Stelle al convegno : “The Italian public debt in the Eurozone” – Camera dei Deputati – 3.7.2017.
“Dal 1992, in un quarto di secolo, lo Stato ha messo sul mercato cespiti per un incasso equivalente a circa 170 miliardi. Eppure, nel frattempo, il debito pubblico nominale è passato dal 105% del Pil di allora al 133% di adesso.”
Ecco il risultato di aver svenduto ai privati le nostre aziende pubbliche partecipate. Con la notevole aggravante di aver svenduto a privati soprattutto società partecipate di servizi pubblici essenziali! Abbiamo perso la sovranità popolare su acqua, depurazione, rifiuti, trasporti pubblici.

Con la scusa della ricetta per superare la finta crisi che le lobbies europee hanno creato: austerity, zero lavori pubblici, aumento tasse, svendita a privati di aziende pubbliche sane. Ma tutto ciò non serviva a sistemare il mostruoso debito dell’italia? Tutto finto, con la povertà generale che ne deriva invece, stiamo peggio di prima con i conti, le lobbies europee ci mettono all’ angolo e continuano bellamente a comprarci le aziende che hanno milioni di clienti giocoforza fidelizzati ed eterni, le aziende migliori, un investimento sicuro per secoli. E con la interessata complicità dei governi di destrasinistra. Con la Grecia sono stati violenti, a noi invece ci colonizzano piano piano, metodo rana bollita, più soft.
Ha ragione Luigi Di Maio a dire che l’austerity è stata un fallimento, dati alla mano.
Ma è stato un fallimento pilotato, teleguidato, premeditato per impoverire l’Italia e costringerla a svendere i suoi gioielli.
Ad esempio, calandoci  in un contesto locale del FVG, ora a Pordenone venderanno Atap, il gioiello del TPL, trasporto pubblico locale, a privati ( sembra a tedeschi ). Sono anni che attuano le grandi manovre, propedeutiche al lancio sul mercato. Prima aziende comunali, poi partecipate, poi partecipate speciali, poi partecipate SpA, poi, pochi mesi fa, cambiano lo statuto per accogliere una maggioranza privata. E Atap possiede quote di altre 13 società pubbliche, come mai ?

photo5972261435541137898

In questo schema l’esempio lampante di Pordenone. Potete notare che la municipalizzata del Trasporto Pubblico Locale abbia quote di partecipazione in ben 13 società

 

 

 

Era già tutto previsto. Chi acquista Atap, possiede anche azioni in altre società,  ne ha la prelazione sull’acquisto quindi…….e sono ben 13 società pubbliche……….alè.
La campagna di colonizzazione dell’Italia sta proseguendo a velocità della luce, perdiamo la nostra sovranità su beni e servizi fondamentali ed in cambio cosa otteniamo ?
Sempre più crisi, sempre più disoccupazione, sempre più debito pubblico, sempre più tasse, e succede dal 1992, in una spirale perversa verso la schiavitù.
Italia : una colonia delle lobbies europee, governata dai loro complici nel nostro Parlamento.
Ecco quello che siamo.

Ti potrebbe interessare anche


Car sharing a Udine e Tavagnacco: soldi pubblici spesi senza programmazione

Era stato “venduto” come il progetto innovativo per la tutela dell’ambiente e come avveniristica forma di mobilità: il car sharing, che prevede l’utilizzo delle auto elettriche a disposizione della cittadinanza per i propri spostamenti a Udine e Tavagnacco, oggi non si sa se sarà economicamente sostenibile. Tanto che Tavagnacco intende spingere questa forma di mobilità … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Dieselgate: chi ci guadagna?

Se non si inaspriranno le multe per i produttori delle automobili, se non verranno eliminati i conflitti di interesse nei test non vi saranno i presupposti di un sistema trasparente e si potrà assistere ad un nuovo scandalo, un altro Dieselgate. E’ inaccettabile che il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Sandro Gozi (PD), … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Progetto europeo Life Wolfs Alps: più che caccia al lupo è caccia ai voti!

Che la mozione approvata in Consiglio regionale sull’uscita del Veneto dal progetto europeo Life Wolf Alps sia una mera mossa politica attuata dal cacciatore Berlato è assolutamente evidente: al consigliere di Fratelli d’Italia, di fatto, più che la caccia ai lupi interessa la caccia ai voti. Berlato sa benissimo che la Giunta non deciderà per … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Prodotti che durino a lungo e facilmente riparabili, questo è il futuro che vogliamo

Noi del Movimento 5 Stelle vogliamo e promuoviamo un’idea di economia e di società diversa da quell’attuale. Vogliamo una società in cui i prodotti durano a lungo e sono facilmente riparabili. Una società in cui il riuso dei materiali non sia un metodo alternativo, ma rappresenti la regola. Una società capace di dare un significato … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare