Diritto all’informazione, fake news e censura

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare
Giovedì 8 giugno è andato in scena un convegno che ha visto dei relatori di grande spessore e una grande partecipazione di pubblico molto attento alle tematiche affrontate; ci siamo interrogati e ci siamo confrontati su ciò che rappresenta in questo momento storico l’informazione.

photo5893087849492883799

 
In un’ epoca sempre più veloce in cui le notizie sono fornite in tempo reale –cosa assolutamente inimmaginabile fino a qualche tempo fa- fondamentale è fermarsi e chiedersi in che direzione sta andando l’informazione.
 
È giusto censurare una notizia solo perché non c’è un immediato riscontro di veridicità oppure è giusto che siano i cittadini a comprendere se quella è una #fakenews senza dover ricorrere alla censura?
 
E se così non dovesse essere, chi ha diritto di censura? È giusto parlare di rimozione dei contenuti nei social media?
 
Nel nostro Paese, in cui la libertà di informazione è davvero preoccupante, è fondamentale fare un distinguo tra cattiva informazione e disinformazione. Partendo dall’assunto di base che #internet sia un bene comune e che vada assolutamente tutelato, vi consiglio di vedere il video dell’evento, lo trovate nei commenti.
 
Ringrazio i relatori presenti al convegno per il loro prezioso contributo, Guido Scorza, Petra Reski, Bruno Zambardino di I-Com, Max von Abendroth amministratore delegato di EMMA, Diego Ciulli di Google e Thomas Myrup Kristensen di Facebook.

Ti potrebbe interessare anche


Lottare contro la fame, lottare per una qualità migliore del cibo

Durante la mia visita a New York ho incontrato le rappresentanti della FAO, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura.  Dal nostro incontro sono emerse alcuni interessanti istanze che personalmente condivido e che ho sempre portato avanti durante la mia legislatura in Parlamento Europeo. Infatti, nonostante il motto latino della FAO sia “fiat panis” (“che … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Cittadini nelle Istituzioni: la grande rivoluzione del MoVimento

“Ed é questa la grande rivoluzione del MoVimento 5 Stelle: cittadini nelle istituzioni che lavorano per i cittadini verso un progetto di miglioramento della qualità della vita. Se questo vuol dire essere populisti, allora lo siamo. “

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Maniago, caso polli alla diossina: non si fa campagna elettorale con la salute dei cittadini

L’atteggiamento di Fabiano Filippin è davvero imbarazzante: egli afferma, ripreso dagli organi di informazione, che la vicenda dei polli alla diossina non ha suscitato grande interesse negli eurodeputati. A Filippin rispondo che, come ben sa, ho portato in più riprese questo caso in Parlamento europeo: trovo dunque davvero inopportuno che il consigliere strumentalizzi questo caso … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Personalità giuridica alle macchine: verso che futuro ci stiamo muovendo?

In questi giorni in Parlamento europeo si parla di robotica ed intelligenza artificiale. Infatti,con il rapido evolversi dell’intelligenza artificiale, i robot sono entrati nella seconda fase della loro evoluzione e stanno diventando delle macchine capaci di imparare dalla loro esperienza e dunque capaci di affrontare nuove situazioni sulla base di essa. Da qui è nato il dibattito … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare