pubblicato il

Il Piano per Energia e Clima che guarda al futuro


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

In questi giorni il Ministero dello Sviluppo Economico ha inviato alla Commissione europea il Piano nazionale integrato per l’Energia e il Clima, elaborato dal Vicepremier Di Maio, dal Ministro dell’Ambiente Sergio Costa e dal Ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli. Questo documento tratta temi ambientali importanti sia a livello strategico che economico per il futuro. Contiene obiettivi ambiziosi, modello per il resto d’Europa, e ai quali tutti i Paesi dovrebbero puntare.

Il Piano si sviluppa su cinque punti principali: la decarbonizzazione, l’efficienza energetica, la sicurezza energetica, il mercato interno dell’energia e la ricerca, innovazione e competitività.

Per quanto riguarda la decarbonizzazione, finalmente possiamo dire di progettare davvero un futuro senza produzione di energia da combustibili fossili, una fonte molto inquinante e poco redditizia.

L’efficienza energetica, invece, viene messa al primo posto e considerata come un’infrastruttura per l’energia. Si darà priorità all’efficienza energetica ogni volta che sarà stimato più conveniente risparmiare energia, piuttosto che trasportarla o aumentarne la produzione.

Alcuni numeri: il piano presentato dal Mise prevede la riduzione dei consumi di energia primaria del 43% e dei gas a effetto serra del 33%. Inoltre, la produzione di energia da fonti rinnovabili sarà pari al 30%, in linea con gli obiettivi previsti dall’Unione europea per il nostro Paese.

Il piano nazionale nasce come applicazione del Regolamento per la Governance dell’Unione dell’Energia approvato lo scorso novembre in via definitiva dal Parlamento europeo. All’interno di questo regolamento sono presenti diverse proposte nate dal lavoro e dall’impegno portato avanti in Europa da noi del Movimento 5 Stelle. Le maggiori e degne di nota sono tre:

–       L’obbligo di allineare ciascuna strategia nazionale sull’energia agli accordi di Parigi sul clima;

–       Mettere al primo posto l’efficienza energetica, trattandola come un’infrastruttura per l’energia;

–       Descrivere tutti i sussidi nazionali all’energia e fornire aggiornamenti sulla loro eliminazione graduale.

Il sostegno e la collaborazione attiva da parte di tutti gli stakeholders sarà fondamentale per raggiungere tutti gli obiettivi, sia nella fase di predisposizione che in quella di realizzazione.

Dobbiamo andare avanti, non indietro e il futuro guarda a fonti rinnovabili e pulite.


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

I cittadini devono riprendersi l’Europa

Per riconquistare la fiducia dei cittadini dopo anni di crisi ed errori, l’Europa deve tornare ad essere una comunità dove le persone vengono messe al primo posto ed i privilegi e gli interessi dei potenti eliminati. La nostra forza è data proprio da quei cittadini che il 4 marzo 2018 hanno scelto il cambiamento. Le▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Vivere oltre i limiti della natura: l’Italia va incontro all’Overshoot Day

Secondo il report del WWF e del Global Footprint Network il 15 maggio per l’Italia sarà l’Overshoot Day, data simbolica che segna l’esaurimento della biocapacità del nostro territorio, ovvero la capacità degli ecosistemi di rinnovarsi nell’arco di un anno e fornire servizi indispensabili quali cibo, fibre, legname, terreni e capacità di assorbimento del carbonio. Questa▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

L’Europa delle eccellenze: professionisti al passo coi tempi

Anche nel settore agroalimentare l’attenzione verso la tecnologia è sempre più alta. Dall’agricoltura di precisione tramite droni, ai trattori guidati in automatico dai satelliti, è sempre più evidente che la progettualità degli investimenti è orientata al settore dell’innovazione tecnologica. Basti pensare al caso della blockchain i cui sofisticati sistemi informatici hanno bisogno di nuove infrastrutture▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Obsolescenza programmata e spreco

Abbiamo chiesto al Commissario designato per il Mercato interno, la Difesa e lo Spazio, Sylvie Goulard azioni concrete per rendere effettiva l’economia circolare. “Per raggiungere l’obiettivo di azzerare le emissioni di gas a effetto serra entro il 2050 e per guidare la transizione verso un’economia circolare, l’Europa deve agire sulla durabilità dei prodotti. I nostri▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare