Un terzo dei prodotti alimentari viene buttato!

pubblicato il
Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Le stime mostrano che nell’UE si producono 88 milioni di tonnellate di rifiuti alimentari ogni anno, equivalenti a circa 173 kg a persona. Quali sono i settori maggiormente responsabili? Cosa possiamo fare noi consumatori?

prodotti alimentari

Qui i dati dell’infografica. http://bit.ly/2pVOjve

I prodotti alimentari vengono persi e sprecati lungo tutta la filiera alimentare: nelle aziende agricole, nella lavorazione e produzione, nei negozi, nei ristoranti e in casa. Sempre secondo queste stime, i settori che in media contribuiscono maggiormente allo spreco dei generi alimentari nell’UE sono le famiglie (53%) e l’industria della trasformazione alimentare (19%).

Per evitare questa dispersione vergognosa è assolutamente necessario che i consumatori siano meglio informati sullo spreco di cibo e sulle sue cause. Una di queste, secondo un sondaggio dell’Eurobarometro, è la data di scadenza riportata sull’etichettatura dei prodotti alimentari. Secondo il sondaggio il consumatore ha difficoltà a comprendere le date di produzione e di scadenza, contribuendo così all’aumento dei tassi di spreco.

In questo senso si inserisce anche la problematica dell’etichettatura e di una adeguata informazione al consumatore: dati sull’origine degli ingredienti, sulle tecniche di produzione e trasformazione, permettono al consumatore di effettuare acquisti più consapevoli, influenzando così indirettamente anche i fattori della produzione.

Lo spreco di cibo non è solamente un problema economico e ambientale, è anche un problema etico e sociale!

Infatti questo implica anche una dispersione di risorse preziose e spesso limitate, come acqua, suolo, ore di lavoro, energia. Ma non solo, lo spreco di cibo sta contribuendo ad aumentare l’emergenza del riscaldamento globale!

Secondo la FAO, i rifiuti alimentari creano un inquinamento da anidride carbonica equivalente a circa l’8% delle emissioni totali di gas ad effetto serra prodotte dall’uomo.

Dobbiamo assolutamente ridurre i rifiuti alimentari. In un mondo in cui circa 793 milioni di persone non accesso a beni alimentari e sono malnutrite, non ci possiamo permettere di gettare via il cibo.

In Europa, i dati Eurostat (2014) ci mostrano che 55 milioni di persone (il 9,6% della popolazione dell’UE) non riescono a permettersi un pasto di qualità ogni due giorni.

Dobbiamo muoverci per cambiare questa tendenza. Dobbiamo investire in un’educazione alimentare che restituisca valore al cibo, che fin dalle scuole elementari punti sull’alimentazione sana, combattendo lo spreco e la malnutrizione!

Ti potrebbe interessare anche


Politica alimentare europea: da Hogan nessun passo verso la Politica Agricola Alimentare Comune (PAAC)

Un’altra occasione persa: anche questa volta purtroppo, nonostante la comunicazione della Commissione, presentata dal Commissario responsabile per l’Agricoltura e lo Sviluppo Agricolo, Phil Hogan, portasse il titolo “Futuro dell’alimentazione e dell’agricoltura”, nessun passo avanti è stato fatto per trasformare la PAC in PAAC, Politica Agricola Alimentare Comune. Di fatto, di questa comunicazione pochissimo riguardava l’alimentazione. … Continua

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare


E’ ufficiale: le uova al Fipronil sono arrivate in Italia

Siamo solo all’inizio, Dai primi controlli del Ministero della Salute emergono le prime tracce di uova al Fipronil

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Non è tutto FICO quello che luccica, anche se è da Oscar

So che non dovrei farlo, non dovrei parlare di questo progetto perché più se ne parla e più gli diamo spazio, ma come si fa a non parlarne? Un progetto come questo è sbagliato sotto molti, troppi punti di vista, e dà una rappresentazione fuorviante di ciò che è la cultura agro-alimentare italiana, la decontestualizza, … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare


Direttiva servizi: sovranità a rischio, l’UE scavalca gli Stati

Oggi in Commissione Mercato Interno (IMCO) è stato votato un argomento molto spinoso riguardante la Direttiva Servizi, ovvero la revisione della procedura di “notificazione” da parte degli Stati membri e delle loro amministrazioni locali delle disposizioni legislative e regolamentari che adottano. Nei cambiamenti che la Commissione Mercato Interno ha introdotto rispetto alla proposta iniziale della … Continua

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare