pubblicato il

Addio Rag. Fantozzi, ci ha lasciati soli con il Perito Poletti


Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici










Inviare

Oggi si incrociano due notizie, quasi per caso, entrambe tristi ed entrambe fatalmente collegate tra di loro. La prima è la morte di Paolo Villaggio, il geniale creatore del Rag. Ugo Fantozzi, e l’altra la ripresa della disoccupazione, soprattutto di quella giovanile, ammesso e non concesso che negli ultimi anni ci sia stato in qualche raro momento un aumento dell’occupazione, cosa che in realtà non è.

Le 2 notizie sono fortemente connesse da un’unica parola: ”lavoro”. Villaggio ha rappresentato nel corso degli anni in modo magistrale il mondo del lavoro, quello frustato e frustrante, quello che non ti fa dormire di notte per le tensioni che hai accumulato durante il giorno, l’STAT invece con il suo rapporto periodico oggi rappresenta una frustrazione altrettanto forte e diffusa, quella del lavoro che non c’è, quella del precariato, quella del lavoro a termine, dell’Italia bloccata che non riparte, quella dei familiari, dei nonni che di fatto sono i veri ultimi ammortizzatori sociali di questo paese scalcinato e maltrattato.

In tutto ciò abbiamo al Governo il due volte Ministro del lavoro e delle politiche sociali del Governo Renziloni, il perito agronomo Poletti, che nel corso della sua folgorante carriera ha indicato più d’una strada ai disoccupati e ai giovani in cerca di prima occupazione, ovvero: ”ci sono persone andate via e che è bene che stiano dove sono perché questo Paese non soffrirà a non averli più fra i piedi”, “oppure giocare a calcetto serve di più che inviare curriculum”, o anche “accettate qualsiasi voto all’università, tanto il voto serve a nulla e la laurea a 28 anni è inutile”. Detto da lui che la laurea manco ha provato a cercarla è una garanzia.

Potete immaginare come questo paese possa risorgere dalle proprie ceneri guidati da questa concentrazione di luminari, come Poletti o la Fedeli, i quali non solo non hanno titoli, ma neppure, cosa ben più grave, una visione, un progetto, praticamente il nulla.

Caro Rag. Fantozzi, lei quantomeno ci ha raccontato un’Italia vera e sofferente, tragicomica e laboriosa, almeno ci ha fatto ridere di gusto e pensare.
Cosa dice, lasciare il Paese in mano a questi non “è una cagata pazzesca?”


Ti Potrebbe interessare anche:

pubblicato il

Biologico: no ad accordi al ribasso

Oggi abbiamo votato contro il nuovo regolamento sull’agricoltura biologica, relativo alla produzione e all’etichettatura dei prodotti biologici, dal momento che questo rappresenta un enorme passo indietro sul tema della contaminazione da sostanze non autorizzate, come i pesticidi. Non c’è nulla da festeggiare per i produttori del biologico di QUALITA’ come quello italiano. E’ un’occasione persa per un▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

L’inizio del cambiamento

“Se lo puoi sognare, lo puoi fare” ci ha ricordato Beppe Grillo. Ora il nostro sogno è diventato realtà. Venerdì 1° giugno Giuseppe Conte si è presentato al Quirinale per la cerimonia del giuramento davanti al Presidente della Repubblica Mattarella. Nella sua squadra di governo gialloverde sono coinvolti, tra gli altri, il nostro capofila del▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

PAC: no ai tagli in agricoltura annunciati da Oettinger. Si punti ad una politica di risparmio

Il commissario Oettinger poco tempo fa ha annunciato tagli per 10 miliardi al bilancio per l’agricoltura, mettendo in grave difficoltà Paesi come l’Italia. Pur comprendendo la necessità di rivedere le dotazioni sono convinto che la soluzione migliore non siano i tagli, ma i risparmi: non sforbiciate lineari qui e là, ma un’analisi attenta di come▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
There are no images.
Condividi coi tuoi amici








Inviare

pubblicato il

Grazie a chi si è messo in gioco con il MoVimento 5 Stelle!

Grazie a tutti coloro che hanno sostenuto il MoVimento 5 Stelle, a tutti gli attivisti che hanno lavorato senza sosta in questa fantastica campagna elettorale e a tutti candidati che si sono messi in gioco. Un risultato STORICO! Da oggi il Friuli Venezia Giulia ha tre nuovi Portavoce a cinque stelle: Luca Sut, Sabrina De Carlo e Stefano Patuanelli.▶ Leggi tutto

Share on Pinterest
Condividi coi tuoi amici








Inviare